facebook twitter rss

Spuntano due bombe da mortaio
in centro: fatte brillare
in aperta campagna

FERMO - L'allarme oggi pomeriggio da una cantina di un palazzo in centro. I carabinieri, dopo aver prelevato i due ordigni, li hanno fatti deflagrare nelle campagne in zona Santa Caterina
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

di Giorgio Fedeli

Oggi pomeriggio ai carabinieri di Fermo è arrivata la segnalazione di due ordigni bellici rinvenuti in una cantina in via Bersani, una traversa di via Perpenti, a poche decine di metri da piazza del Popolo. Sul posto sono immediatamente arrivati i militari dell’Arma della compagnia di Fermo che con i colleghi artificieri, dopo aver circoscritto l’area, prelevati con le massime attenzioni del caso e bonificata l’area, hanno trasportato gli ordigni in aperta campagna, in zona Santa Caterina. Poi, una volta chiuse tutte le strade circostanti e verificato che in zona non ci fosse nessuno, gli ordigni sono stati fatti deflagrare.

“Una donna – specificano i carabinieri della compagnia di Fermo – ha trovato in cantina due ordigni risalenti al secolo scorso, che, in teoria, potevano ancora esplodere. Stava mettendo in ordine la cantina quando si è ritrovata tra le mani due ‘souvenir’ decisamente pericolosi. Due bombe da mortaio, poi rivelatesi inerti e completamente prive di potenziale esplosivo. I carabinieri stanno analizzando le loro caratteristiche per comprenderne l’origine e la provenienza. Dopo averne dato notizia alle autorità competenti,  i carabinieri hanno fatto intervenire sul posto gli artificieri dell’Arma che hanno provveduto a mettere in sicurezza gli ordigni, rimuovendoli e disinnescandoli con una mini-detonazione avvenuta in campagna, in un luogo isolato e lontano dalle abitazioni. Gli ordigni si sono poi rivelati del tutto privi di potenziale esplosivo. I carabinieri ricordano ai cittadini che, nonostante siano state effettuate opere di bonifica in pianura e sulle montagne, non è raro trovare ancora qualche residuato bellico. Non bisogna mai raccoglierli, ma avvisare immediatamente le autorità”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X