facebook twitter rss

Il segretario di Io Scelgo Fermo Marziali
contro il sindaco Calcinaro:
“Comportamento antidemocratico”

FERMO - L'attacco del segretario di Io Scelgo Fermo al primo cittadino: "Annienta costantemente ogni voce contrastante, spesso toccando il fondo del degrado, denigrando il comportamento di consiglieri comunali che chiedono spiegazioni"
Print Friendly, PDF & Email

“Con il consolidato comportamento denigratorio sull’operato dei consiglieri di opposizione, attraverso i social e con vari cittadini ed esponenti della vita sociale della città, al sindaco ricordiamo che la responsabilità più grande di un primo cittadino è quella di rivestire un ruolo di garanzia per tutte le parti. Consapevoli della necessità di tutelare le nostre istituzioni democratiche, informeremo chi di dovere per quanto sta avvenendo, perché si possa recuperare il valore del rispetto e del dibattito democratico proprio del Consiglio Comunale”. Inizia così il monito del segretario di Io Scelgo Fermo Giampiero Marziali al sindaco Paolo Calcinaro.

Il segretario del gruppo di minoranza spiega: “ Il nostro gruppo ritiene sia un comportamento antidemocratico quello del Sindaco perché annienta costantemente ogni voce contrastante, spesso toccando il fondo del degrado, denigrando il comportamento di consiglieri comunali che chiedono spiegazioni, i quali lo fanno, ricordiamo al Sindaco, in virtù di un principio di trasparenza assolutamente necessario e legittimamente fissato dalla legge. Anziché rispondere nel merito delle questioni, si preferisce fare dileggio del singolo consigliere. Anziché rispondere alla cittadinanza, si risponde sui social in contrapposizione al singolo cittadino che condivide la critica sollevata da un consigliere di opposizione, dimenticando che il Sindaco deve rispondere pubblicamente ed a tutti i cittadini.
Oramai è un dato inconfutabile che la trasparenza e il rispetto della dialettica democratica non appartengono a questa maggioranza. Ne costituiscono la dimostrazione la mancata istituzione della commissione di indagine sull’ASITE, nonostante decisa dal Consiglio Comunale, come la sistematica estromissione dell’opposizione dall’attività amministrativa. Nelle riunioni di commissione consiliare, questa maggioranza continua a fare ostruzionismo sulla messa disposizione degli atti per un adeguato approfondimento, nonostante le reiterate proteste dell’opposizione. Nessuno deve sapere, nessuno deve discutere, perché? Un motivo ci sarà”.

Marziali prosegue “Si risponda finalmente nel merito, ed evitando almeno una volta il vittimismo e la denigrazione altrui, atteggiamento tipico di chi non ha argomenti e consapevolezza del proprio ruolo istituzionale. Si eviti di nascondersi sui social network, di arringare irresponsabilmente il popolino, perché può accadere, come è accaduto negli ultimi giorni, che qualcuno oltrepassi il limite del lecito. Un buon sindaco deve fare il suo dovere, dare risposte nel merito a richieste di informazioni, secondo la trasparenza e la dignità che questa città merita, con relazioni e istruttorie civilmente argomentate, ponendosi con il necessario ruolo di garanzia di tutte le parti. Siamo pronti a confronti pubblici nei quartieri, carte alla mano, affinché i cittadini si facciano un’idea propria di quanto sta accedendo in seno all’Amministrazione Comunale. Siamo per una politica di valore, abbiamo bisogno di persone di valore e crediamo fortemente che una buona opposizione abbia da sempre contribuito a far operare buoni governi. Ne sono la riprova i diversi rimedi a tutela dell’ente a cui è dovuto ricorrere il Comune di Fermo a seguito dei nostri – e ahimé vituperati – interventi”

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X