facebook twitter rss

Quote rosa, l’opposizione annuncia il ricorso al Tar

PORTO SAN GIORGIO – Il tempo a disposizione è di quattro mesi. La minoranza però non attenderà. Rapido giro di telefonate questa mattina tra alcuni consiglieri, dopo le dichiarazioni del sindaco anticipate ieri da Cronache Fermane sulla vicenda quote rose, e decisione presa: il ricorso al Tar si farà
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

E’ ufficiale. L’opposizione si rivolgerà al Tar per chiedere che il sindaco Loira si adegui alla norma sulle quote rosa. I termini scadono infatti a fine settembre ma diversi consiglieri di opposizione hanno preferito giocare d’anticipo. Hanno atteso che il primo cittadino formalizzasse l’impegno nei confronti delle consigliere di pari opportunità prima di dare fuoco alle armi. Ebbene ieri Loira ha confermato di voler avviare un percorso finalizzato a valutare se sussistano i presupposti per rimettere mano alla giunta ed inserire una seconda donna. Il tempo a disposizione è di quattro mesi. La minoranza però non attenderà. Rapido giro di telefonate questa mattina tra alcuni consiglieri, dopo le dichiarazioni del sindaco anticipate ieri da Cronache Fermane (leggi l’articolo) sulla vicenda quote rose, e decisione presa: il ricorso al Tar si farà.

Ad annunciarlo è Maria Lina Vitturini della civica Noi sangiorgesi. “Abbiamo deciso di rivolgerci al tribunale amministrativo –spiega- affinché al sindaco venga imposto di adeguarsi alla legge. Non capisco per quale motivo si sia arrivati a questo punto, forse Loira ritiene prioritario salvaguardare gli equilibri interni al suo esecutivo . Bastava invece rispettare la norma e non ci sarebbero stati problemi. E’ inaccettabile quanto avvenuto. Il sindaco ha dimostrato una mancanza di sensibilità verso questa tematica”. Sindaco che ora si prenderà tutto il tempo concesso per tentare di dare seguito alle richieste delle consigliere di pari opportunità. Ma la Vitturini non ci sta. “Loira avrebbe fatto più bella figura se da subito avesse inserito in giunta una seconda donna oltre alla Baldassarri. Tanto più che per affrontare certe tematiche amministrative le donne hanno sempre dimostrato di avere una marcia in più”. Anche la Baldassarri però finisce nel mirino della Vitturini. “Ci saremmo aspettati una presa di posizione forte sulla questione delle quote rose visto che lei ha la delega alle pari opportunità”. Non è escluso tuttavia che i giudici, nel valutare il ricorso e prima di pronunciarsi, possano decidere di tenere in considerazione la decisione del sindaco di fare un ulteriore tentativo di rimescolare la giunta in ottica quote rosa.

ARTICOLI CORRELATI

Quote rosa, Loira dice sì: 120 giorni per valutare l’ingresso in giunta di una donna


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti