facebook twitter rss

Patagonia in pillole:
i fermani e quella promessa
di 5 ettari di terra (deserta)

ESPERIENZE - Continua il viaggio dei nostri quattro teatranti dove tanti conterranei si sono trasferiti negli anni: "Il loro legame con noi che rappresentiamo la terra dei loro nonni o bisnonni, è fortissimo, commovente"
Print Friendly, PDF & Email

di Cesanelli Oberdan

La “Japonesa”. Cominciamo dalle imprecazioni di Piermassimo sulla “Japonesa”, che non è una gentile ragazza orientale, ma una strada che un tempo forse poteva definirsi così: 80 km nel nulla, con strani uccelli col ciuffo in testa che ti attraversano la strada, buche, sterrato, e segnale telefonico a zero. Le imprecazioni di Pierma sono verso di noi che abbiamo preferito seguire le indicazioni di Tom Tom piuttosto che quelle di Hugo.

Terminata la terribile ma affascinante traversata, e dopo più di 500 km, siamo a Villa Regina. Villa Regina è stata fondata poco più di 90 anni fa da una società italoargentina che prometteva agli immigrati italiani 5 ettari di terra. Cinque ettari, mica chiacchiere. La città era stata disegnata a tavolino dall’ingegner Cipolletti e in molti dalle Marche accorsero. 5 ettari. Arrivati qui, possiamo solo immaginare dopo quale avventuroso viaggio (1.100 km da Buenos Aires, nel 1920…), avevano I loro 5 ettari. Di deserto. Deserto, senza piante, senza nulla. Tornare indietro? Impossibile. Rimboccarsi le maniche e trasformare il deserto? Non c’era altra scelta.

E così fecero.

Due giorni belli, con Walter Ventura, Martin Vesprini e Rodolfo “Nito” Veronesi, che ci hanno raccontato le storie di marchigiani e trentini fondatori della città.

Nito è il presidente del Circolo Trentino, dove abbiamo fatto l’applauditissimo spettacolo, è un uomo pieno di energia e viene spesso in Italia, Walter era fino a poco fa assessore alla cultura e Martin ha origini di Monte San Pietrangeli e di Ponzano.

Con Nito sono stato in una radio locale per parlare del nostro progetto e mi ha consegnato una lista di marchigiani e dei loro paesi di provenienza. Monte Urano, Monte San Pietrangeli, Sant’Elpidio.

A Fermo oggi vive Rosy Canigola, nata proprio a Villa Regina.

Qui si coltivano mele e marchigiani e trentini sono maestri nella produzione e nel commercio.

L’accoglienza che queste persone ci riservano è difficilmente descrivibile. Il loro legame con noi che rappresentiamo la terra dei loro nonni o bisnonni, è fortissimo, commovente.

Ce ne sarebbe da raccontare, ma non sarebbe più una pillola…

E San Martin de Los Andes ci aspetta, partenza lunedì ore 9, orario argentino.

E chiudo con le parole di Walter che dice che qui, nella città più italiana della Patagonia, tutto è italiano e niente è italiano.

Buena onda!

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti