facebook twitter rss

Liposuzione laser: la parola all’esperto

In prossimità della bella stagione facciamo chiarezza su una tecnica laser molto richiesta. Per la rubrica Benessere l'intervista al dott. William Forlini specializzato in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva.
Print Friendly, PDF & Email

Il dott. William Forlini, specializzato in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva

La liposuzione, tecnica chirurgica di asportazione del tessuto adiposo, risale agli anni ’70 ed è sicuramente tra gli interventi di chirurgia plastica più richiesti per ridurre le adiposità localizzate come la tanto odiata cellulite.

La tecnica consente di eliminare porzioni di grasso tramite aspirazione con cannule.

Inizialmente gli effetti collaterali riscontrati erano gravi (ematoma, necrosi della cute, ecc) e si pensava che la tecnica non avesse futuro.

Il percorso evolutivo è stato invece ben diverso arrivando alla moderna tecnica laser. Ne parliamo con il dott. William Forlini, specializzato in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva.

 

Quali sono le tecniche più all’avanguardia?

La ricerca è sempre al lavoro. Per ora possiamo parlare di liposuzione micro invasiva attraverso il sistema laser Velas™, messo a punto negli Stati Uniti, che lavora sulle cellule adipose, sciogliendo il grasso da 3 a 5 volte in più rispetto ai laser tradizionali. ll sistema laser Velas™ per body-sculpturing scioglie rapidamente ed efficacemente il grasso indesiderato con una procedura minimamente invasiva. Le lunghezze d’onda ottimali ed il calore generato dalla fibra ottica che emette una quantità maggiore di calore rispetto ad ogni altro sistema di lipoaspirazione, offrono retrazione della pelle e un rapido scioglimento del tessuto adiposo con maggiore comfort per il paziente e tempi di recupero brevissimi. La foto termolisi selettiva del laser Velas™ libera i lipidi contenuti nel tessuto adiposo garantendo una facile e più dolce aspirazione. È stato dimostrato che il selettivo riscaldamento del tessuto cutaneo ha effetti estremamente rassodanti. Gli accumuli localizzati di grasso corporeo resistenti alla dieta e alla ginnastica possono essere eliminati definitivamente mediante questa nuova metodica.

 

In cosa consiste praticamente? A cosa effettivamente va incontro una persona che si sottopone alla liposuzione laser?

La lipolaser può essere effettuata su qualsiasi area del corpo: fianchi, cosce, braccia, interno delle ginocchia, addome, regione sottomentoniera, ecc. Il comfort e la unicità di tale procedura permette di poter essere eseguita in molti casi anche in anestesia locale in base alle caratteristiche del singolo paziente, abbassando notevolmente i costi dell’intervento.

Oltre allo scioglimento del grasso con azione selettiva sulle cellule adipose, il laser consente un’adesione ottimale della pelle ai tessuti donando un effetto simile al lifting cutaneo. L’azione del laser è strettamente selettiva per le cellule adipose e per i vasi sanguigni: la lunghezza d’onda con cui il laser lavora permette inoltre una buona coagulazione dei vasi sanguigni che si traduce in un minor sanguinamento con produzione di minimi ematomi rispetto alla liposuzione tradizionale. Questo comporta inoltre meno edema, ematoma e una guarigione più rapida, favorita anche da una guaina modicamente compressiva lasciata in situ per qualche giorno. Ciò che differenzia inoltre la lipolaser dalla liposuzione classica è la capacità del corpo di riassorbire totalmente nel corso dei 2 mesi successivi tutti gli adipociti sciolti durante l’intervento; nella liposuzione classica il tessuto adiposo che non si è riuscito ad aspirare si reintegra a livello sottocutaneo mentre con il sistema Velas™, essendo le cellule adipose precedentemente “rotte” dall’azione della fibra laser, viene riassorbito ed espulso con le feci e l’urina nelle settimane successive.

 

A livello estetico restano cicatrici?

Le cicatrici residue saranno al massimo di pochi millimetri localizzate possibilmente nelle pieghe cutanee ed occultabili (in base alla necessità delle regioni da trattare) con un costume da bagno o comune biancheria intima. A livello cutaneo si ottiene un effetto ”skin-tightening” ovvero un risultato simil-lifting con pelle distesa. È una tecnica minimamente invasiva che permette una rapida ripresa.

 

Il dott. William Forlini, specializzato in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, visita per appuntamento all’Istituto Medico Palmatea dotato del Laser Velas™.

 

Per info e prenotazioni www.palmatea.it , [email protected]

 

Medicalexpo

 

Articolo promoredazionale

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X