facebook twitter rss

Polemiche Granfondo, Santoni replica a Marcotulli: “Attaccate lo sport per fare politica, vergogna”

PORTO SANT'ELPIDIO - "Se tutti collaboriamo senza sterili polemiche nel giro di qualche anno possiamo arrivare a 5.000 partenti ed oltre, con un ritorno, in termini economici, nel nostro territorio, di diversi milioni di euro"
Print Friendly, PDF & Email

Vincenzo Santoni

 

“Visto che di ciclismo il futuro candidato sindaco è molto inesperto e sicuramente non ha mai cavalcato una bici mi  farebbe piacere fargli pervenire questo messaggio” . Il patron della Granfondo di Porto Sant’Elpidio Vicenzo Santoni replica a Giorgio Marcotulli, dati alla mano. Santoni parla di 630 iscritti da 11 regioni italiane (Piemonte, Veneto, Trentino, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Puglia, Campania e Sardegna ed in più un Neo Zelandese, informatico presso la sede ONU, di Roma). Circa 600 le persone alla partenza più altre 100 aggregatesi lungo il percorso; 300 coloro che hanno ritirato il chip per il cronometraggio e si sono classificati per la gara agonistica.

“Falso – spiega Santoni – quando Marcotulli dice che gli iscritti scendono ogni anno. Ad oggi quella di Porto Sant’Elpidio è l’unica granfondo ad aver avuto un incremento di iscritti pari al 400%. Tutte le altre hanno registrato un calo del 30/40 %. La nostra granfondo è la più giovane del panorama ciclistico (300 in Italia), chi ha grossi numeri 5/10.000 iscritti ha almeno una storia che va avanti da 50 edizioni”.

Santoni che parla di promozione del territorio e della città:”Gli amatori per la gran parte vengono per una vacanza. Ritirano il pacco gara, fanno la foto di partenza insieme ai più forti per poi seguire il percorso senza essere classificati, spesso prendendo strade alternative per arrivare per primi a tavola e non all’arrivo, ecco perché si sono classificati solo in 180. Altri partono per propria iniziativa. Ciò non sminuisce la prestazione sportiva che va di pari passo a coloro che invece vivono la granfondo come un momento di alto agonismo, tanto è vero che sul traguardo di Porto Sant’Elpidio tra i primi trenta sono arrivati i più forti ciclisti amatoriali d’Italia (gran parte ex professionisti). I primi due fino ad ora hanno vinto tutte le migliori gare”.

Anche in merito ai disagi Santoni respinge le accuse:”Disagi? Quali disagi per aver impegnato le strade di Porto Sant’Elpidio per 45 minuti? A San Benedetto del Tronto ogni domenica chiudono il lungomare per manifestazioni sportive. Attaccate lo sport per fare politica. Vergogna. Lo sport, qualunque esso sia, amatoriale, dilettantistico o professionistico, va solo incentivato e la gran fondo è patrimonio di Porto Sant’Elpidio; grazie al successo di ieri, ho notizia che la Rai inserirà la nostra città tra le quindici gran fondo d’Italia con diretta di 90 minuti per il prossimo 2019. Non solo, abbiamo avuto in città per due giorni Ignazio e Francesco Moser, addirittura con una pedalata nel nostro territorio con gli appassionati, visitando diverse imprese. Spot promozionali su Porto Sant’Elpidio, grazie alle mie relazioni con vari giornalisti, sono stati divulgati da Radio Rai Uno, Rai due, Rai Sport e in più tutti i giornali e le emittenti regionali, con presenze anche sulla Gazzetta dello Sport e tutti i media regionali. Questi in termini di costi sarebbero state diverse migliaia di euro. Invece una manifestazione a costo zero per il comune e anche per i ciclisti (unica in Italia) senza sborsare un centesimo. Dunque se tutti collaboriamo senza sterili polemiche nel giro di qualche anno possiamo arrivare a 5.000 partenti ed oltre, con un ritorno, in termini economici, nel nostro territorio, di diversi milioni di euro. Occorre pazienza, cosa che questo candidato sindaco non ha nello sport, sicuramente l’ha avuta nel candidarsi ed oggi vuole recuperare terreno in campagna elettorale facendo polemica in una sana ed importante manifestazione sportiva, finanziata da diverse aziende che attraverso il ciclismo vogliono promuovere il territorio dove le stesse aziende hanno sede. Ci avrebbe fatto più piacere averlo  alla presentazione, alla partenza, alla premiazione visto che io invio inviti a tutti ed anche ad esponenti del suo partito”.

 

Città paralizzata dalla Gran Fondo di ciclismo, Marcotulli contro l’amministrazione: “Smettere di autocelebrarsi e iniziare ad ascoltare le persone”

Attacco al granfondo di ciclismo, la Sebastiani: “Onda populista, siamo orgogliosi di ospitare un evento simile”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti