facebook twitter rss

Amandola e Comunanza insieme?
Marinangeli raccoglie l’appello:
“Cesaroni, incontriamoci subito”

SIBILLINI - Lettera aperta del sindaco di Amandola indirizzata al suo collega di Comunanza: "Mettere insieme le nostre energie la strada da praticare con urgenza e decisione"
giovedì 24 maggio 2018 - Ore 21:01
Print Friendly, PDF & Email

di Adolfo Marinangeli (sindaco di Amandola)

Caro Alvaro,

la lettera aperta che mi hai inviato (LEGGI QUI) mi trova assolutamente disponibile ad incontrarci e subito, per affrontare insieme con coraggio e responsabilità, come giustamente sottolinei con forza, le pressanti problematiche che riguardano il nostro territorio nell’attuale congiuntura di rapide e profonde trasformazioni e mutazioni in tutti gli ambiti: sociale, economico, del lavoro e delle politiche industriali, delle infrastrutture, della comunicazione, dell’istruzione, demografico e culturale.

Che i servizi nel nostro entroterra montano siano da molto tempo continuamente sotto attacco, lo viviamo ogni giorno.

La ventilata ipotesi di Poste Italiane di dislocare il servizio portalettere da Amandola ad altra sede nella valle del Tenna, non è che l’ultimo in ordine di tempo.

Condivido, quindi, pienamente, caro Alvaro, che mettere insieme le nostre energie sia la strada da praticare con urgenza e decisione.

Come, del resto, è stato fatto recentemente. Mi riferisco alla decisione di far finanziare insieme il miglioramento delle due importanti strade vallive val d’Aso e val di Tenna ed alla scelta, questa sì di grande svolta, in prospettiva, per l’intero territorio montano, di realizzare il nuovo Ospedale dei Sibillini, il cui iter è in fase molto avanzata, giunto ormai all’acquisizione dell’area. Mi riferisco, inoltre, alla trasformazione del distaccamento dei Sibillini dei Vigili del Fuoco da provvisorio e stagionale a permanente e alla decisione di poco tempo fa di consentire l’accesso alla RSA di Amandola, riaperta a gennaio scorso nell’ex edificio della scuola elementare, a cittadini residenti nelle vicine Aree Vaste 3 di Ascoli e 5 di Macerata rendendola così, di fatto, la RSA dei Sibillini.

Ed è proprio su questo terreno dei servizi sanitari che ci attende, come ben sai, un nuovo banco di prova per cementare le nostre energie: l’ottenimento del Distretto Sanitario Montano, da estendere, come più volte ho proposto, al territorio maceratese più prossimo.

Forti di queste positive esperienze, perché, allora, non partire subito da qui, dando veste concreta ad una nuova Unione, anzitutto, tra i nostri due Comuni, sotto la tua guida e con i nostri spazi operativi già disponibili?

Penso ad un organismo che, nel solco delle linee-guida tracciate dalla legge, si configuri snello e agile, il più possibile deburocratizzato, che sappia procedere con atteggiamento realistico, ma allo stesso tempo, senza piangersi addosso. Fiducioso nella provata capacità di progettare e delineare una visione d’insieme del nostro Territorio , tra tradizione, identità e sviluppo, per i decenni a venire. Sapendo raccogliere e, perché no, anticipare, per quanto possibile, le sfide imposte dagli attuali vertiginosi mutamenti che ci stanno proiettando, tutti, in dimensioni per molti aspetti inesplorate.

Penso, soprattutto, ad un organismo che veda al suo interno protagonisti e parti attive i nostri giovani più attenti e sensibili, che hanno scelto di rimanere qui perché amano la propria terra, e che erediteranno presto il testimone.

Un organismo che, non appena costituito, affronti in prima battuta le urgenze del momento, cui tu facevi cenno, in particolare dal lavoro alla ricostruzione post-sisma, ai servizi messi in discussione dalle politiche di ristrutturazione sia di Enti pubblici che di Aziende, come nel caso, alla ribalta in questi giorni, dello strategico stabilimento Whirlpool e del suo indotto.

Questa strada mi appare concreta e praticabile in tempi brevi. Raccolgo molto volentieri il tuo invito. Incontriamoci subito.

 

Il sindaco Cesaroni scrive ad Amandola: «Facciamo la Città dei Sibillini»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X