facebook twitter rss

Sono 208 le imprese perse
nei primi 5 mesi dell’anno

I dati Cna sul tessuto imprenditoriale fermano

FERMO - “Il credito locale, prospettive e opportunità” tema dell’incontro organizzato da Cna Fermo, giovedì 20 giugno alle ore 18.30
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Giacopetti

“Senza credito non si cresce né si compete”. Questo lo slogan con cui Paolo Silenzi, presidente della Cna provinciale di Fermo ha esordito nell’incontro con la stampa, fornendo numeri relativi ai primi 5 mesi del 2019 per il tessuto imprenditoriale locale. Con dati aggiornati a maggio, il Fermano perde 208 imprese (-1,13%) passando da 18.378 imprese attive a 18.170 su un totale regionale pari a 147.552.

Di queste 208, 104 appartengono al commercio, 66 al manifatturiero, 61 all’agricoltura, 30 alle costruzioni, 20 al settore dei servizi al turismo. Il rovescio positivo della medaglia è dato dalla crescita delle aziende relative ai servizi di informazione e comunicazione, attività finanziarie e assicurative, immobiliari, professionali scientifiche e tecniche, noleggio, agenzie di viaggio, supporto alle imprese.

Dati negativi arrivano anche dal settore export. Nel primo trimestre 2019 cala dell’8,6% nel Fermano, in controtendenza rispetto alla media delle altre province delle Marche, dove cresce del 5,8%. Più marcata la flessione dell’export nei mercati esteri del settore calzaturiero che sfiora il -10%, mentre altri distretti calzaturieri in Italia crescono. In calo, -3,9%, anche il settore pelletteria del Fermano.

“I dati seguono la congiuntura negativa degli ultimi anni – spiega il presidente Paolo Silenzi -. L’Area di Crisi Complessa è arrivata ad un momento chiave nel quale è partita la Call. Ciò significa che ora gli imprenditori devono mettere sul tavolo le progettualità utili ad andare avanti e effettuare una inversione di tendenza. All’Area di Crisi Complessa si affiancano i 3 bandi propedeutici emessi dalla Regione Marche, che verranno illustrati nell’incontro organizzato per domani pomeriggio”.

“Il credito locale, prospettive e opportunità” è, infatti, il tema dell’incontro organizzato proprio dalla Cna provinciale Fermo, giovedì 20 giugno alle ore 18.30, presso l’aula di formazione in via Donizetti.

Tema che è stato approfondito sia da Alessandro Migliore, direttore Cna Fermo che da Paola Fava, responsabile area crediti speciali del Confidi Uni.Co. (LEGGI QUI)

La stessa Cna Territoriale di Fermo, stavolta in collaborazione con l’agenzia grafica Blidi, organizza anche un altro appuntamento per artigiani e Piccole Medie Imprese. Stavolta sarà dedicato alle strategie di comunicazione. Intitolato “Brand Management, strategia e immagine”, si terrà sempre nella sala formazione Cna lunedì 1 luglio alle ore 21. Tema: le aree principali di un piano di comunicazione, per comprendere se, nel proprio business, si utilizzano strumenti idonei, messaggi efficaci e coerenti con gli obiettivi che ci si pone.

Nota positiva è quella relativa alla previsione, in base ai dati dell’anno scorso, dell’andamento del lavoro per l’estate 2019. Sempre secondo i dati forniti dal presidente Silenzi: “è prevista una richiesta di di lavoratori entro il mese di agosto pari a 2.750 unità. I settori interessati sono i Servizi e le Imprese con meno di 50 dipendenti. Il 20% saranno contratti di Apprendistato o Tempo Indeterminato, 80% contratti a Termine e le figure maggiormente richieste sono cuochi, camerieri, operai specializzati e commessi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X