facebook twitter rss

”Un Pugno al Terremoto”,
Nike Fermo protagonista

BOXE - Sabato scorso la seconda edizione, nel centro maceratese di Visso, della kermesse pugilistica a mettere sotto la luce dei riflettori le popolazioni colpite dal recente sisma. Sul ring pugili arrivati sull'asse Lazio - Marche
Print Friendly, PDF & Email

Da destra il presidente Gabriele Fradeani, a seguire Luciano Romanella e il sindaco di Visso Gianluigi Spiganti durante le premiazioni

VISSO (MC) – Sabato scorso si è tenuta la manifestazione pugilistica denominata “Un Pugno al Terremoto” che ha visto la partecipazioni di atleti provenienti da diverse province delle Marche e del Lazio.

L’iniziativa voluta da Luciano Romanella presidente della società Nike Fermo è stata organizzata dalla stessa società fermana in collaborazione con la Polisportiva Casalbruciato di Roma proprio a Visso, in località Palombare, per ricordare e tenere viva l’attenzione delle istituzioni nei luoghi deturpati dal sisma.

Dieci sono stati i matches, di cui due femminili, disputati sul ring realizzato presso il centrale parco verde di Visso alla presenza del sindaco Gianluigi Spiganti e del presidente del Comitato Regionale Federale Gabriele Fradeani, intervenuti per i saluti e premiazioni davanti ad un folto pubblico intervenuto.

Maski Yassin, in rosso, contro Simone D’Elpidio

Il match con il più alto profilo è stato indubbiamente quello disputato tra gli atleti di categoria élite, Maski Yassin, dell’Audax Fano e D’Elpidio Simone, della Casalbruciato Roma. Il primo, mancino, protetto dalla così detta falsa guardia ha saputo imporsi sull’avversario che sebbene dotato di un fisico massiccio e colpi potenti è stato abilmente centrato per tutte le riprese con precisi e micidiali ganci sinistri sferrati dall’indomabile pugile fanese Maski Yassin. La determinazione, la freschezza e la mobilità di gambe del pugile italo-tunisino ha convinto la giuria a premiarlo anche con il trofeo messo in palio quale miglior pugile del torneo.

L’evento curato anche dalla Pro Loco di Visso è stato un momento di svago per i residenti e di intensa attività sportività per gli atleti e tecnici intervenuti finalizzata a non dimenticare questo territorio e le popolazioni duramente colpite dal sisma del 2016, che stanno cercando, tra moltissime difficoltà, una normalità ancora molto difficile da raggiungere. Lo sport, da sempre momento di aggregazione sarà uno stimolo in più per ritrovarsi e tifare per questi ragazzi estremamente motivati.

Il trofeo Visso 2019 de “Un Pugno al Terremoto”

 

Articolo correlato: 

Per ”Un Pugno al Terremoto” sfide sull’asse Lazio-Marche


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X