facebook twitter rss

Per la Fermana ”due” il
match a Bolzano dura mezz’ora

SERIE C - Flavio Destro rivoluziona la formazione iniziale per tenere a risposo mezza squadra e non c'è partita contro un Sudtirol più forte, che gioca a memoria, e che conquista i primi punti interni di stagione. Match compromesso dopo trenta minuti. Termina 3-0. Domenica a Fermo arriva la capolista Padova
Print Friendly, PDF & Email

Gli unici che vincono sempre sono gli irriducibili tifosi che seguono la squadra ovunque, anche nelle trasferte più lunghe in giorni infrasettimanali

 

di Paolo Bartolomei

BOLZANO – Il tecnico gialloblù aveva annunciato un notevole turn over, obbligato anche per la vicinanza delle tre partite in otto giorni (domenica prossima arriva a Fermo la capolista Padova), e quest’anno possibile per una rosa più ampia rispetto ai due anni precedenti e con più ricambi. Promessa mantenuta e al “Druso” hanno fatto il loro esordio in campionato dal 1′ Mane, Tedone, Persia, D’Angelo e Maistrello (per il primo è l’esordio assoluto). Petrucci e Bacio Terracino restano in panca per un problema fisico che si spera di superare per domenica prossima.

Il tecnico fermano si prende i suoi rischi e, oltre a stravolgere la formazione, schiera per la prima volta la difesa a tre (dove esordisce Mane a fianco dei confermati Comotto e Manetta), imbottendo il centrocampo con cinque uomini dove vengono avanzati gli esterni Tedone e Sperotto, al centro Persia affiancato da Ricciardi e Urbinati. Duo di atttacco inedito con D’Angelo e Maistrello.

Dopo appena mezz’ora di gioco, l’uno-due dei sudtirolesi e il 3-0 mangiato dai padroni di casa, Destro corre ai ripari e inserisce subito Iotti e Mantini al posto di Tedone e Ricciardi, nel finale di primo tempo ed inizio di ripresa i canarini sembrano rientrare in partita ma poi nel secondo tempo arriva il tris che chiude i giochi con largo anticipo e consente al Sutirol di conquistare i primi punti stagionali sul proprio terreno di gioco.

Domenica prossima arriva a Fermo la capolista Padova, prosegue l’avvio di campionato in salita per la Fermana con tutte squadre molto forti costruite per il vertice della classifica.

IL TABELLINO

SUDTIROL 3 (4-3-1-2): Cucchietti; Ierardi, Polak, Vinetot, Fabbri (39′ st Davi); Tait, Berardoccio, Morosini (25′ st Trovade); Casiraghi (39′ st Alari); Mazzocchi (25′ st Romero), Petrella (18′ st Rover). A disposizione Taliento, Grbic, Turchetta, Gatto, Fink. All. Stefano Vecchi

FERMANA 0 (3-5-2): Gemello; Manetta, Comotto, Mane; Tedone (32′ pt Iotti), Persia, Ricciardi (32′ pt Mantini), Urbinati (22′ Venturi), Sperotto (7′ st Rolfini); D’Angelo (7′ st Molinari), Maistrello. A disposizione Palombo, Petrucci, Scrosta, Bellini, Iotti, Mantini, Cognigni, Bacio Terracino. All. Flavio Destro

ARBITRO: Giuseppe Collu di Cagliari; assistenti Francesco Collu di Oristano e Simone Piazzini di Prato

RETE: 10′ pt Morosini, 24′ pt Mazzocchi, 19′ st Rover

NOTE: Ammoniti Urbinati, Rolfini; angoli 1-4 ; recupero 1’+3′

LA CRONACA

Dopo dieci minuti di studio, passa subito il Sudtirol con discesa sulla destra di Casiraghi e Petrella che non subiscono opposizione, tutta la Fermana che si fa trovare troppo alta, come già capitato nel primo gol della Samb; cross al centro che scavalca Comotto e Manetta, rientrati troppo tardi, al limite dell’area piccola a disturbare Morosini c’è solo Tedone che però non riesce nemmeno ad abbozzare un vero contrasto fisico, il bomber altoatesino in piena libertà devia di piatto in rete con un tiro ad incrociare: 1-0 e l’attaccante biancorosso fa il bis dopo la rete siglata ai gialloblù al “Druso” pochi mesi fa.

La Fermana non riesce ad imbastire una risposta efficace e nonostante il centrocampo infittito, non effettua un serio filtro sulla mediana, tanta imprecisione sui passaggi. Così dopo un quarto d’ora il Sudtirol raddoppia con un’azione fotocopia: servito da una bella verticale di Casiraghi sulla destra Mazzocchi arriva al limite dell’area con una finta si beve Mane e Comotto e con il sinistro fa partire un bel tiro preciso che passa tra i due avversari e si infila nei pochissimi centimetri liberi tra il primo palo e il portiere. 2-0 e anche lui fa il bis personale rispetto all’ultima partita giocata qui dalle due squadre a febbraio.

La Fermana colleziona tre corner ma senza creare pericoli, il Sudtirol invece va vicino al terzo gol. Pertanto Destro subito dopo la prima mezz’ora di gioco, rendendosi conto che buona parte della squadra non gira, corre ai ripari richiamando Tedone e Ricciardi inserendo Iotti e Mantini che danno una maggiore quadratura da lì al termine e i gialloblù si avvicinano un paio di volte alla porta difesa da Cucchietti che però interviene una sola volta su una conclusione ravvicinata.
Il Sudtirol gioca a memoria, lanci precisi e sovrapposizioni ad occhi chiusi, la partita sembra non avere storia. La peggior Fermana di questa stagione nel primo tempo.

All’inizio del secondo tempo Fermana pericolosa con un cross di Sperotto, dalla parte opposta colpo di testa di D’Angelo che solo per poco va sull’esterno della rete. Subito dopo questa azione Destro richiama proprio i suoi protagonisti e mette dentro due punte centrali, Molinari e Rolfini, per quest’ultimo è la seconda presenza dopo i 15′ di Piacenza. Poco dopo Chiucchietti respinge in corner una insidiosa punizione di Molinari conquistata da Rolfini, i due appena entrati.

Nei primi minuti della ripresa i canarini sembrano più in partita, ma al 18′ Rover, appena entrato, firma il tris con azione fotocopia delle altre due: discesa sulla destra, due giocatori biancorossi non trovano ostacoli, cross al centro, la palla viene solo sfiorata da due difensori gialloblù, arriva il neo entrato che liberissimo devia di prima intenzione alle spalle di Gemello una conclusione ben angolata.

Poco dopo esordio assoluto del centrocampista centrale Venturi al posto di Urbinati ammonito e che quindi non viene rischiato per il big match di domenica prossima a Fermo contro la capolista Padova. 24′ Morisini prova a fare il poker, questa volta Gemello e la difesa gialloblù evitano la segnatura, primo corner per i padroni di casa. Idem dieci minuti dopo, bella la risposta di Gemello a Casiraghi.

La partita, in pratica, finisce qua. Appuntamento per domenica prossima, al Recchioni, per la sfida al cospetto del Padova.

 

I tifosi già pensano al big match di domenica prossima a Fermo contro la capolista Padova

 

ARTICOLI CORRELATI

Flavio Destro: ”Abbiamo sbagliato troppo, garadecisamente sotto tono”

Fermana di mercoledì a Bolzano per bissare Piacenza

Vivaio Fermana, week end all’insegna del derby contro la Samb

Flavio Destro e Andrea Petrucci nel dopo Fermana-Samb

Fermana-Samb, grande spettacolo nel derby, il pari sta stretto a tutti

Fermana, conta solo vincere per sorpassare la Samb


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti