fbpx
facebook twitter rss

‘Basta strumentalizzare la sanità
per logiche elettorali’
l’affondo di Livini contro Tulli

FERMO - Il direttore dell'Area vasta 4 Livini replica duro al capogruppo consiliare della Lega: "Smentisco categoricamente le sue dichiarazioni. Nella sanità capita quello che succede nel calcio, qualcuno si sente commissario tecnico e pensa di avere la formula magica"
Print Friendly, PDF & Email

il direttore Av4, Licio Livini

“Basta con questa storia di strumentalizzare la sanità, in questo caso quella fermana, per logiche elettorali”. Non va per il sottile il direttore dell’Area vasta Licio Livini nel replicare al capogruppo della Lega in consiglio comunale, Gianluca Tulli, che ieri è tornato a far sentire la propria voce, critica, prendendo spunto dall’addio di Fabrizio Giostra al pronto soccorso di Fermo.

“Smentisco categoricamente la lettura che è stata data della nostra sanità e del nostro ospedale come un punto di passaggio per diventare primari e poi andarsene. Il caso di Giostra ha alla base delle motivazioni umane, personali. Il nostro primario ha deciso legittimamente di trasferirsi a Bologna per motivi familiari, personali dunque. E nessuno può permettersi di criticare una scelta dettata dal cuore. Certo, non nego, anzi ho sempre detto e ribadito che con lui perdiamo un grande professionista che nel corso degli anni ha saputo gestire in maniera impeccabile il suo reparto a cui ha anche dato moltissimo. lo ha saputo ringiovanire instaurando anche ottimi rapporti di collaborazione con le altre unità operative e con tutto l’ospedale. Sulla ricerca del nuovo primario avvieremo velocemente le procedure selettive. Cercheremo una figura che sia in grado di equivalere a Giostra. Nel frattempo, come previsto, individueremo un facente funzioni con i requisiti per guidare il pronto soccorso. Sappiamo che è un reparto delicato e quindi riporremo nelle procedure la massima celerità e attenzione.

Tornando alle critiche mosse alla sanità, vorrei ricordare che è di tutti noi, e tutti contribuiamo a renderla migliore. Ecco perché scagliarsi sistematicamente contro di essa, e soprattutto per motivi infondati e che trascendono le dinamiche sanitarie, a farci una brutta figura è tutto il Fermano. Certo, viviamo le difficoltà che il settore vive in chiave diffusa. Lavoriamo con i numeri che ci sono stati assegnati. Ma lo facciamo con responsabilità e con professionisti di primo livello che ogni giorno lavorano con dedizione e attenzione massima all’utenza. E questo i pazienti lo vedono, lo percepiscono e molto spesso sono i primi a collaborare (come ricordato dallo stesso Giostra) dando risposte con buoni servizi per una sanità pubblica, dunque gratuita. Purtroppo, però, nella sanità spesso si verifica quello che accade nel calcio: ci si sente tutti allenatori, tutti hanno una formula magica, migliore delle altre. Ma posso garantire che non è così semplice come qualcuno vuole far credere. Ma anche questo tanti cittadini responsabili lo sanno”.

r.c.f.

 

“Anche il primario del pronto soccorso se ne va, sulla sanità fermana si cambi rotta” l’affondo di Tulli (Lega)

“Giornata nera al pronto soccorso ma quanta comprensione dagli utenti” il ‘grazie’ del primario Giostra

Sostieni Cronache Fermane

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Fermane lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT67V0311169451000000003233
  • Intestatario: CF Comunicazione S.r.l.s. - Banca: UBI Banca S.p.A


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X