facebook twitter rss

Stalla danneggiata dal vento,
Marcozzi (FI): “Frutto di un’amministrazione regionale
sorda ed ora chi tutela l’allevatore?”

AMANDOLA - La capogruppo regionale FI: "L’amministrazione a guida Pd non ha voluto ascoltare ed oggi tutti noi raccogliamo i frutti di una gestione politico-amministrativa fallimentare"
Print Friendly, PDF & Email

Jessica Marcozzi

“Stalla danneggiata dal vento ad Amandola: i frutti di un’amministrazione sorda. Ed ora chi tutela l’allevatore?”. E’ l’attacco, in una nota stampa, della capogruppo regionale FI, Jessica Marcozzi. Un attacco all’amministrazione regionale.

“Non hanno fatto praticamente nulla di concreto per i terremotati. E quel poco che hanno fatto – scrive la Marcozzi – lo hanno portato avanti senza ascoltare, senza interagire con i diretti interessati, con chi dal 2016, nonostante le piaghe inferte dal sisma, ha avuto la forza di consigliare, di spronare, di voler guidare l’amministrazione regionale verso le scelte migliori. Ma tant’è. L’amministrazione a guida Pd non ha voluto ascoltare ed oggi tutti noi raccogliamo i frutti di una gestione politico-amministrativa fallimentare. L’ultimo esempio è il caso della Fattoria Angolo di Paradiso di Amandola con il titolare che oggi si è visto scoperchiare dal vento la tensostrutture che gli è state assegnate. A lui, come ad altri, avevano detto che quelle strutture andavano benissimo ed invece ecco i risultati. Ed ora? Il titolare della fattoria si trova con 200 pecore, di cui 50 in lattazione, senza un riparo. Non sa cosa fare, non sa come proteggere i suoi animali, la sua attività. E ricordiamo i tanti animali morti a causa del freddo in questi anni. Questo è il frutto di una politica miope e alienata, di un’amministrazione sorda, di una gestione regionale che, per fortuna, sta per terminare. Ma molti danni, purtroppo, sono già stati compiuti”.

Il forte vento scoperchia una stalla con 200 pecore all’interno “La Regione non ci ha voluto ascoltare”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X