facebook twitter rss

Omicidio di Antonio Cianfrone:
moglie e marito fermati dai carabinieri

SPINETOLI - Sono stati prelevati nella loro abitazione e condotti nella caserma di Ascoli. Restano a disposizione del procuratore capo della Repubblica, Umberto Monti, che coordina le indagini
Print Friendly, PDF & Email

I Carabinieri del Nucleo Investigativo Ascoli Piceno, unitamente ai militari della Compagnia di San Benedetto del Tronto e alla Stazione di Monsampolo del Tronto, al termine di una complessa indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno  hanno dato esecuzione ad un “provvedimento di fermo” emesso dal Procuratore della Repubblica, Umberto Monti, a carico di un uomo con precedenti, e sua moglie, anche lei di circa 50 anni, entrambi residenti nell’Ascolano, ritenuti sospettati dell’omicidio aggravato di Antonio Cianfrone, ucciso con 4 colpi di pistola mentre il 3 giugno faceva jogging sulla ciclopedonale.

Il gravissimo fatto di sangue che ha scosso l’intera comunità nella vallata del Tronto dove Cianfrone era molto conosciuto anche per i suoi trascorsi professionali, è stato subito oggetto di una mirata indagine che ha portato a esaminare decine di ore di video estrapolati da impianti di videosorveglianza presenti nella zona; riscontrare, dall’analisi del traffico telefonico dei cellulari, la presenza dei fermati, sulla scena del crimine in orario compatibile con l’omicidio; acquisire plurime informazioni testimoniali di cittadini che quella mattina si trovavano nei pressi del luogo del delitto. Le indagini, comunque, proseguono.

Agguato mortale a un ex maresciallo dei carabinieri: ucciso sulla ciclabile tra Pagliare e Monsampolo


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti