facebook twitter rss

Videx, rimonta fallita: l’avventura playoff si chiude a Brugherio

SERIE A3 - L'impresa in stile Palmi non si compie, con gli uomini di coach Ortenzi che cadono anche in gara due. Alle semifinali approda la Gamma Chimica grazie alla vittoria conquistata per tre set ad uno. L’avventura 2020/21 per Starace e soci finisce qui
Print Friendly, PDF & Email

BRUGHERIO (MB) – La rimonta sulla scia di Palmi stavolta non si è compiuta.

Al “Paolo VI” di Brugherio si spengono le speranze grottesi insieme alle luci sulla stagione 2020/21. Fatali alla banda di coach Ortenzi, proprio come una settimana fa, i troppi errori nei momenti chiave del match.

Brugherio in campo con Santambrogio-Breuning, Gozzo e Teja laterali, Frattini e Fumero al centro e Raffa libero. Coach Ortenzi risponde con Marchiani-Calarco, Vecchi e Starace in banda, Romagnoli e Cubito al centro e Romiti a governo della difesa.

IL TABELLINO

GAMMA CHIMICA BRUGHERIO 3: Santambrogio 4, Salvador ne, Compagnoni ne, Breuning 21, Gozzo 19, Raffa (L1), Piazza, Teja 17, Biffi J. 1, Innocenzi ne, Frattini 5, Biffi T., Fumero 6, Todorovic (L2) ne; All. Durand

VIDEX GROTTAZZOLINA 1: Perini ne, Romagnoli 7, Cubito 6, Vecchi 19, Calarco 19, Pison ne, Reyes 1, Di Bonaventura, Viciedo ne, Starace 15, Gaspari, Brandi (L2) ne, Marchiani 1, Romiti (L1). All. Ortenzi

ARBITRI: Giorgianni e Scarfò

PARZIALI: 25-17 (21’); 28-30 (35’); 25-20 (27’); 27-25 (30’)

NOTE: Brugherio: 14 errori in battuta, 6 ace, 6 muri vincenti, 54% in ricezione (38% perf), 63% in attacco. Videx: 19 errori in battuta, 8 ace, 5 muri vincenti, 57% in ricezione (38% perf), 50% in attacco

LA CRONACA

Partono bene i padroni di casa con Frattini che colpisce in primo tempo e poi ferma Calarco a muro (6-3). Gozzo sigla il primo centro dai nove metri e il diagonale di Teja spinge coach Ortenzi al primo time-out (11-7). Vecchi e compagni faticano a dare ritmo alla gara e soffrono il servizio lombardo: Fumero va ancora a segno dai nove metri mentre Starace spedisce out da posto quattro prima del nuovo stop richiesto da Ortenzi (15-9). La pausa non giova, Brugherio consolida il vantaggio con un muro efficace ed una buona fase difensiva e scappa via dopo il blocco di Fumero su Vecchi (23-15). Teja conquista la prima palla set per poi mandare in archivio il parziale con il diagonale del 25-17.

In fase iniziale di secondo set la Videx prova a scrollarsi di dosso le scorie del parziale precedente e guida nel punteggio con il muro di Calarco che costringe coach Durand al primo time-out (5-8). Adesso si gioca a parti invertite con i padroni di casa in difficoltà al cospetto di una Videx più quadrata ed incisiva al servizio e in difesa. Vecchi colpisce dai nove metri, Starace va a segno dopo l’ennesimo time-out di coach Durand mentre Calarco doppia gli avversari nel punteggio fermando Breuning a muro (7-14). Il protagonista di Gara 1 accorcia le distanze e Brugherio approfitta di un’altra palla out di Starace per dimezzare lo svantaggio, costringendo coach Ortenzi al time-out preventivo (13-16). I padroni di casa continuano a spingere con il solito Breuning, centrano l’aggancio grazie all’uno-due di Gozzo e trovano addirittura il sorpasso dopo la palla out di Romagnoli (20-19). La Videx perde terreno e Breuning sale in cattedra con l’uno-due che vale la prima di tre setball (24-21). L’epilogo sembra scritto invece Cubito ferma l’opposto danese a muro prima dell’exploit al servizio di Calarco. L’opposto classe ‘95 decide di prendersi la scena con tre aces consecutivi che ribaltano clamorosamente il punteggio (24-25). L’errore sul servizio successivo proroga la sfida ai vantaggi. Marchiani tiene i suoi in partita con unaa palla di seconda (27 pari). Romiti è decisivo in seconda linea ed alla fine la spuntano proprio i marchigiani con il pallonetto di Vecchi che pareggia i conti (28-30).

Il capitano grottese battezza dai nove metri il terzo set con l’ausilio del videocheck ma Brugherio riprende presto a spingere con Breuning che prima risponde a Cubito e poi va ancora a segno con un diagonale mortifero nell’angolino di posto uno (8-5). Calarco mette fuori un attacco dalla seconda linea e i padroni di casa fanno registrare il primo strappo del set: doppio ace di Santambrogio e sferzata di Breuning (12-5). Coach Ortenzi corre ai ripari fermando il gioco ma l’inerzia del parziale non cambia ed è ancora Breuning ad allungare (14-7). Il vantaggio è importante e la formazione lombarda non commette lo stesso errore dei rivali nel set precedente: Breuning e Teja mantengono intatto il divario (22-15). Vecchi e Romagnoli provano ad accorciare ma gli errori di Calarco e Reyes al servizio consegnano il set ai lombardi (25-20).

Nel quarto set è la Videx a premere sull’acceleratore con in colpi di Cubito e Reyes (2-6). Brugherio risponde con Teja che va a segno dai nove metri annullando il divario (7-8). Inizia una lunga battaglia punto a punto con Breuning che va a segno dopo l’errore al servizio di Cubito trovando il +2 (17-15). Romagnoli e Starace tentano la rimonta ma il laterale classe ’99 viene fermato a muro da Fumero (21-18). Cubito imita il centrale lombardo sull’attacco di Teja mentre Vecchi, due volte, va a segno vanificando il time-out di coach Durand e trovando finalmente l’aggancio (22 pari). E’ il momento chiave del parziale ma la mancanza di freddezza gioca un brutto scherzo a i grottesi. Reyes fallisce il servizio successivo mentre Starace invade la seconda linea nell’azione seguente consegnando ai padroni di casa ben due match-ball (24-22). Vecchi la riapre e servono di nuovo i vantaggi per decretare la fine del set. Sul 25 pari è Gozzo a vestire i panni del giustiziere con la doppia zampata che sancisce il 27-25 finale e fa scorrere i titoli di coda sulla stagione della Videx.

LE DICHIARAZIONI

Coach Massimiliano Ortenzi ha così analizzato il match che ha sancito l’esclusione dai playoff a vantaggio di Brugherio. Serviva la gara perfetta per rimettere il confronto sui binari giusti, purtroppo al “Paolo Sesto” si è vista ancora una volta una Videx poco lucida che nei momenti chiave della gara ha mancato di concretizzare le occasioni necessarie a strappare il risultato.

Dall’altro lato del campo si è vista la solita Brugherio. Una squadra compatta e quadrata, che fin dalle prime battute ha impresso ritmo alla gara con un servizio ficcante, buona fase muro ed una difesa efficace, riuscendo a far male anche grazie al fondamentale apporto di Gozzo e Teja. Rispettivamente 19 e 17 punti per i due laterali di coach Durand che hanno saputo incidere al pari del sempre presente Breuning (di nuovo top scorer con 21 segnature).

Nulla da eccepire sulla prestazione dei lombardi. Resta però il rimpianto per aver mancato, con palla in mano, di concretizzare le svariate opportunità presentatesi nell’arco del match: “Abbiamo approcciato alla gara in maniera troppo contratta. Nel primo set non siamo mai riusciti ad entrare veramente in partita e Brugherio ha avuto di fatto vita facile – ha commentato coach Ortenzi a margine della sfida -. A partire dal secondo parziale invece abbiamo finalmente provato a fare la nostra partita con tutti i pregi e difetti dell’ultimo periodo. Da un lato siamo riusciti a fare punti con delle fiammate al servizio che ci hanno fruttato dei buoni break mentre dall’altro abbiamo sprecato veramente tante occasioni e commesso troppe ingenuità. E’ chiaro che in un quarto di finale, contro una squadra come Brugherio, certe leggerezze si pagano a caro prezzo”.

Poco da rimproverare dal punto di vista dell’atteggiamento. Resta però la sensazione di aver chiuso la stagione senza aver fatto tutto ciò che era nelle proprie corde: “Fino alla fine i ragazzi non si sono arresi e non hanno mai mollato – ha aggiunto il coach grottese -. Purtroppo a certi livelli se si vuol raggiungere risultati straordinari non ci si può permettere di sciupare così tanto. La squadra ha fatto un percorso importante durante l’anno e sotto diversi aspetti ha compiuto dei passi in avanti rispetto a inizio stagione. Tuttavia c’è davvero grande rammarico perché credo che avessimo tutte le carte in regola per arrivare alla semifinale”.

 

Articolo correlato: 

Ultima chiamata Videx, ribaltare gara uno per proseguire la corsa playoff


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti