facebook twitter rss

Fasciani: ”La Muri Fermani vira altrove, ma sempre nel segno del territorio”

CICLISMO - L'ideatore dell'evento con lustri di storia spiega le ragioni che porteranno modifiche alla kermesse 2021, con passaggi ad interessare Porto San Giorgio rispetto all'originaria e sola Fermo: "In città si è preferito investire molto di più altrove, sempre in ambito sportivo, piuttosto che avallare un evento decisamente con costi a ribasso che ha portato e potrebbe continuare a portare le stesse benefiche ricadute d'immagine"
Print Friendly, PDF & Email

di Paolo Gaudenzi

 

FERMO – Una manifestazione radicata nel calendario ciclistico provinciale da lustri per l’edizione 2021 potrebbe variare, seppur in parte, scenario operativo.

I Muri Fermani, kermesse ciclistica amatoriale da sempre riconducibile al fondatore Alessandro Fasciani (nelle foto), è infatti in procinto di ricadere, nell’imminente, nel contesto logistico di Porto San Giorgio.

Circa 12 anni fa ho gettato il seme di un evento che, tra tanti sforzi, è cresciuto con ottimi risultati a poco a poco – commenta Fasciani -, e per dare l’idea, il fascino di quello che poteva essere a livello anche e soprattutto mediatico investendo quel poco di cui si necessitava, basta gettare l’occhio a ciò che è successo a Siena con le Strade Bianche, percorso oggi realtà ed inserito all’interno del Giro d’Italia, come ammirato da tutti gli sportivi italiani in diretta tv e con risonanza mediatica a tutto tondo”.

“Il perché del mio guardarmi altrove? – il nostro interrogativo – Qui in città, nelle opportune sedi istituzionali, non ho trovato l’avallo necessario. Forse ho pagato pegno alla mia schiettezza e sincerità esternata con più di un interlocutore nel corso del tempo, ma se l’ho fatto, ho proceduto in tale maniera perché oggettivamente convinto, sul campo sportivo, di muovere nel giusto. Dal punto di vista finanziario non c’erano affatto in ballo le cifre a tanti zeri che sono state e continueranno ad essere investite per la Tirreno Adriatico e, come sembra palesarsi, per il Giro d’Italia. Tra l’altro con il paradosso di vedere il percorso dei Muri Fermani inserito, nel silenzio del cenno al merito, al loro interno – ha proseguito Fasciani -. Questo per affermare, dunque, la bontà dell’intuizione avuta, su cui però non si vuole investire”.

“La mia non è un’esternazione strumentale, ma solo un modo per far riflettere chi siede nelle stanze opportune. Oggi, quindi, ho preferito guardarmi intorno, ma tengo a precisare un aspetto – il focus -, nulla vieta un’eventuale partenza, ed un presunto arrivo, collocati a Porto San Giorgio, ma è assolutamente certo che il percorso di gara si snoderà, sempre e comunque, per le colline e le salite suggestive che da oltre dieci anni caratterizzano un appuntamento che continuerà ad essere onorato, seppur con partner diversi pronti a scommetterci, dimostrando fiducia sul sottoscritto. Non da meno, lo farò sempre e solo come vetrina per un unico territorio senza divisioni di campanile: il Fermano nella sua corale globalità”.

 

Articolo correlato:

Il Campionato Provinciale Amatori in transito all’ombra del Girfalco


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti