facebook twitter rss

Ragazza investita, la Polizia denuncia l’automobilista: “Guidava sotto l’effetto di sostanze stupefacenti”

FERMO - La denuncia è arrivata a seguito degli accertamenti, anche sanitari, dopo l'incidente avvenuto mercoledì verso le 22 a Campiglione di Fermo
Print Friendly, PDF & Email

L’incidente a Campiglione

Investimento di una ragazza a Campiglione di Fermo. La Polizia denuncia l’automobilista per la guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Verso le 22 di mercoledì scorso, la Volante della Questura è intervenuta in località Campiglione a seguito della segnalazione dell’investimento di un pedone.

“Sul posto i sanitari – la ricostruzione dei fatti da parte della Polizia di Stato – stavano già prestando le prime cure alla vittima, una giovane ragazza elpidiense che mentre stava attraversando la strada insieme al padre è stata investita da un’utilitaria in transito.
In considerazione delle gravi lesioni riscontrate sulla giovane, la stessa è stata prima trasportata in codice rosso presso il locale nosocomio e successivamente, con l’eliambulanza, all’ospedale Torrette di Ancona.
Il personale della Polizia di Stato, controllato il conducente dell’auto investitrice ha immediatamente notato un particolare ed anomalo stato di irrequietezza ed agitazione nonché la dilatazione delle pupille, chiari indicatori della possibile assunzione di sostanze stupefacenti. All’interno del veicolo sono state rinvenute due siringhe usate per l’uso della droga. L’uomo, circa 40 anni, residente a Fermo, è stato accompagnato presso l’ospedale Murri dove è stato sottoposto ad esami per la conferma dell’assunzione di oppiacei a seguito dei quali è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria, ai sensi dell’art.187 del Codice della strada, per la guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. La patente di guida è stata ritirata e la autovettura, sottoposta a sequestro amministrativo, è stata affidata ad una officina autorizzata che la ha caricata sul carro attrezzi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti