facebook twitter rss

In ospedale senza mascherina e con un coltello minaccia sanitari e sicurezza: denunciato

FERMO - Il soggetto ha indossato, malvolentieri, il dispositivo di protezione che gli è stato fornito dagli operatori e ha atteso per alcuni minuti il proprio turno fino a quando si è spazientito ed ha ancora una volta gridato, pretendendo di essere visitato immediatamente, aggiungendo alla pretesa la minaccia di usare un coltello che ha dichiarato di avere con sé
Print Friendly, PDF & Email

 

 

L’ospedale Murri di Fermo

Momenti di tensione, ieri mattina, dopo la segnalazione pervenuta alla sala operativa della Questura la Volante della Polizia di Stato. Agenti che hanno raggiunto l’ospedale Murri presso il quale era stata comunicata la presenza di un soggetto in evidente stato di agitazione psicomotoria che aveva minacciato i sanitari e successivamente le guardie particolari giurate che erano intervenute in ausilio dei primi.

“L’uomo – spiegano dalla questura di Fermo –  prima di accedere alla struttura ospedaliera, era stato invitato a rispettare i protocolli per il contrasto alla diffusione dell’epidemia ed in particolare ad indossare la mascherina di protezione. Dopo alcune contestazioni verbali iniziali ad alta voce, il soggetto ha indossato, malvolentieri, il dispositivo di protezione che gli è stato fornito dagli operatori e ha atteso per alcuni minuti il proprio turno fino a quando si è spazientito ed ha ancora una volta gridato, pretendendo di essere visitato immediatamente, aggiungendo alla pretesa la minaccia di usare un coltello che ha dichiarato di avere con sé. Dopo le parole, il soggetto ha cercato qualcosa nella tasca dei pantaloni ed in quel momento sono intervenute le guardie particolari giurate che lo hanno fermato ed hanno rinvenuto nella tasca un coltello a serramanico molto affilato”.

Pochi istanti dopo è arrivata la pattuglia della Polizia di Stato che ha preso in custodia il soggetto e lo ha accompagnato in Questura dove è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per le minacce profferite ed il porto abusivo del coltello che è stato sequestrato.

“Oltre al racconto del comportamento del tempestivo intervento delle guardie particolari giurate prima e quello immediatamente successivamente della Volante della Polizia di Stato, la raccomandazione del costante rispetto delle semplici precauzioni contro la diffusione dell’epidemia, ancor più obbligatorie in questo periodo di sensibile aumento della curva dei contagi anche nella nostra provincia”

Dà in escandescenza al Csm, bloccato dagli agenti della Cosmopol: arriva anche la Polizia


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti