Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook twitter rss

Terza corsia A14, Baldelli: «Incontro con Aspi poi sopralluoghi per valutare soluzioni, non perdiamo ‘ultimo treno’» (Ascolta la notizia)

L'ASSESSORE regionale alle Infrastrutture torna ad aggiornare sulla terza corsia a sud di Porto Sant’Elpidio, dopo la presa di posizione di Calcinaro: «Parliamo di un’infrastruttura che abbiamo voluto inserire tra le priorità nell'agenda di Ministero e Aspi, dopo che in passato se n’erano perse le tracce. Con i sopralluoghi valuteremo insieme pro e contro delle soluzioni tecniche studiate da Autostrade per adottare le consequenziali scelte. La Regione privilegia il gioco di squadra tra i vari attori in campo, ascoltando i territori ed i loro rappresentanti»

Francesco Baldelli

di Giorgio Fedeli

«Questo mese è in programma un ulteriore incontro con Aspi, al quale seguiranno i sopralluoghi nei singoli territori con i sindaci direttamente interessati». E’ quanto fa sapere l’assessore regionale alle Infrastrutture, Francesco Baldelli, sulla tanto agognata terza corsia A14 da Porto Sant’Elpidio fino al confine sud delle Marche. Un aggiornamento, il suo, che arriva dopo la presa di posizione del sindaco Paolo Calcinaro, tornato sull’argomento a seguito della morte del 45enne Samuele Cotichini, deceduto in un incidente stradale nella galleria Castello.

«Un’altra vittima, l’ennesima, sul nostro tratto della A14. Uno stillicidio di morti, silenzioso e continuo. Voglio sperare che – l’affondo del primo cittadino di Fermo – dopo anni di silenzio sul tema la Regione chieda ufficialmente e con forza la terza corsia sui tavoli nazionali».

Ascolta la notizia:

 

«Aspi e Ministero delle Infrastrutture -ricorda Baldelli – sono stati sempre i nostri interlocutori, insieme ai sindaci del territorio, istituzioni e rappresentanti delle categorie economiche e professionali della nostra regione, soprattutto quelli delle province di Fermo e Ascoli Piceno. Abbiamo fin da subito affrontato la questione “cantieri” che in estate diviene una vera e propria emergenza. Grazie a questo confronto abbiamo ottenuto una migliore calendarizzazione dei lavori lungo l’autostrada tra Porto Sant’Elpidio e San Benedetto del Tronto e, in particolare, lo stop delle attività nei fine settimana estivi e durante le festività, decisioni efficaci per impattare positivamente sull’intenso traffico turistico da giugno a settembre. Tra gli argomenti al centro del confronto, oltre alla gestione dell’emergenza cantieri, c’è sempre la questione della terza corsia a sud di Porto Sant’Elpidio, un’infrastruttura che abbiamo voluto inserire tra le priorità nell’agenda di Ministero e Aspi, dopo che in passato se n’erano perse le tracce.
Già in questo mese è in programma un ulteriore incontro con Aspi, al quale seguiranno i sopralluoghi nei singoli territori con i sindaci direttamente interessati, per valutare insieme pro e contro delle soluzioni tecniche studiate da Autostrade e adottare le consequenziali scelte.
La Regione Marche privilegia il gioco di squadra tra i vari attori in campo, ascoltando i territori ed i loro rappresentanti per prendere al volo questo ‘ultimo treno’ ed avere finalmente una A14 che risponda alle esigenze di chi vive e lavora nelle Marche e dei turisti che ogni estate affollano le località di mare e i nostri borghi deli territori interni.
Come più volte ribadito, proseguiamo decisi su questa linea di confronto, evitando di sposare soluzioni rigide e predeterminate, nella convinzione che, grazie al contributo e al coinvolgimento di tutti, sarà adottata la soluzione migliore dal punto di vista del rapporto costi-benefici».

«Un’altra vittima in A14, ora basta. La Regione chieda con forza la terza corsia» Calcinaro categorico (Ascolta la notizia)

Schianto fatale nella notte in autostrada: muore il 45enne Samuele Cotichini


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti