facebook twitter rss

Truffe telematiche, c’è anche chi si finge carabiniere e riesce a intascare 18mila euro per reati sessuali: sette denunce

CARABINIERI in azione a Monte Urano, Porto San Giorgio, Monte San Pietrangeli, Montottone, Montegranaro e Servigliano
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

Truffe telematiche. Indagini lampo dei carabinieri. E in sette vengono smascherati e denunciati.

Nei giorni scorsi, a Monte Urano, i militari della locale Stazione Carabinieri, al termine di indagini avviate a seguito di una denuncia formalizzata da un residente hanno identificato e denunciato per truffa in concorso due donne della provincia di Monza Brianza, entrambe già note per analoghi precedenti. Mediante l’analisi dei tabulati telefonici e di documentazione bancaria, i carabinieri hanno scoperto che le due donne avevano simulato la vendita di una consolle musicale su un noto sito di vendite online e con artifizi e raggiri erano riuscite ad indurre in errore la vittima, facendosi accreditare in acconto euro 500, per poi rendersi irreperibili.

Analoga truffa a Porto San Giorgio dove i carabinieri della Stazione hanno individuato e denunciato per truffa un uomo originario della provincia di Napoli, noto per altri precedenti di polizia. L’uomo, al fine di trarre un ingiusto profitto, mediante vari raggiri, aveva inviato alla sua vittima (un residente di Porto San Giorgio) falsi sms aventi come mittente una banca, con cui comunicava la presenza di operazioni fraudolente. Poi, dopo aver contattato telefonicamente la vittima, qualificandosi come operatore dell’istituto di credito, è riuscito a farsi comunicare il numero delle carte di credito  con relative cifre del codice di sicurezza, dalle quali ha sottratto la somma di circa 3.200 euro. Altra truffa aggravata a Monte San Pietrangeli dove un residente ha denunciato ai Carabinieri della locale Stazione di aver ricevuto sulla casella di posta elettronica, una mail di phishing con cui veniva accusato di reati a sfondo sessuale e altri reati da parte di sedicenti carabinieri. A tale mail ne sono seguite altre contenenti la richiesta di versare la somma di 5.000 euro per sanare la propria posizione, nonché quella di 13.000 euro a titolo di cauzione. L’ingenua vittima, nel timore di guai giudiziari, ha adempiuto alle richieste effettuando tre bonifici bancari per un importo complessivo di euro 18.000.

«Non è altro che – spiegano proprio dall’Arma – una nuova campagna di phishing perpetrata attraverso false mail e messaggi social che riportano il logo dei Carabinieri o della Polizia di Stato e, in alcuni casi, sono artatamente firmate da dirigenti di vertice delle forze dell’ordine. Il falso messaggio intima al destinatario di rispondere alla mail per avere informazioni in merito ad un’indagine di pedo-pornografia in cui lo stesso sarebbe coinvolto. Lo scopo è di causare agitazione, inducendo la vittima a ricontattare i truffatori ed esporsi così a successive richieste di denaro o alla divulgazione dei propri dati personali. Ma nessuna Forza di polizia contatta i cittadini attraverso mail o messaggi. Fate attenzione e qualora vi dovesse capitare di ricevere simili emali, cestinatele e segnalatele. Non bisogna farsi ingannare dalle e-mail fraudolente. In caso di dubbi, contattate la più vicina Stazione Carabinieri. Per evitare questa nuova truffa online occorre seguire sempre le stesse accortezze: non aprire mai gli allegati e cancellare anche dal cestino l’email sospetta. Altra truffa a Montottone dove i Carabinieri della Stazione hanno denunciato un bengalese, residente a Roma, resosi responsabile di una truffa on line: con il pretesto di vendere on-line una bicicletta ad un uomo di Porto San Giorgio, si era fatto accreditare da quest’ultimo, su un conto corrente a lui riconducibile, la somma di euro 750 per poi rendersi irreperibile. I Carabinieri di Montegranaro hanno invece denunciato per truffa un giovane napoletano, pregiudicato, accertando che il ragazzo, simulando la vendita di sacchi di carburante solido per stufe, pubblicizzato a prezzo conveniente su un noto sito online, tramite accordi stabiliti a mezzo mail, ha indotto la vittima con raggiri ben escogitati, ad eseguire in suo favore un bonifico di 100 euro, senza di fatto inviare la merce e rendendosi irreperibile. Analoga storia con ben più grave epilogo a Servigliano dove i militari della locale Stazione Carabinieri hanno identificato e denunciato un uomo di Prato accertando che, con il pretesto di vendere on-line una Peugeot 3008 ad un uomo di Servigliano, vittima del raggiro, si era fatto accreditare da quest’ultimo, su un conto corrente a lui riconducibile, la somma di circa 25.000 euro euro per poi rendersi irreperibile. «L’attività di repressione sul diffuso fenomeno delle truffe on line è certamente una priorità per i Carabinieri di Fermo, anche al fine – rimarcano dall’Arma – di rendere giustizia alle vittime. Tale fenomeno impone però serie riflessioni poiché alcune di queste truffe possono essere facilmente scongiurate adottando delle minime precauzioni, evitando perciò di inviare denaro senza un minimo di garanzie; quando un affare appare troppo conveniente, molto probabilmente non è un buon affare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti