facebook twitter rss

Rapina in tabaccheria,
bloccato un 26enne:
‘fatali’ le ferite ai piedi e sul braccio
(VIDEO)

PORTO SANT'ELPIDIO - La polizia, dopo la rapina perpetrata questa mattina a danno di una tabaccheria in via Umberto I, ha rapidamente raccolto una lunga sfilza di indizi che hanno portato gli agenti a fermare un ragazzo di origini russe naturalizzato italiano. ECCO GLI ELEMENTI IN MANO ALLA POLIZIA
giovedì 13 aprile 2017 - Ore 14:39
Print Friendly, PDF & Email

La polizia sul luogo dove è stato fermato il 26enne

di Giorgio Fedeli

Il rapinatore all’arrivo in tabaccheria

Da un’escoriazione su un braccio all’abbigliamento a ‘cipolla’, dalla bici usata per scappare fino a quell’andatura quasi ‘saltellante’. Lunga la lista dei dettagli che non sono sfuggiti agli occhi attenti degli investigatori della polizia del commissariato di Fermo, guidato dal vicequestore Leo Sciamanna, e dei carabinieri intervenuti questa mattina nella tabaccheria assaltata. Morale della favola, una volta acquisite le immagini della videosorveglianza della rapina a mano armata alla tabaccheria di via Umberto I (leggi l’articolo), e raccolte alcune testimonianze oculari, gli agenti del commissariato hanno rapidamente chiuso il cerchio su un 26enne di origini russe ma naturalizzato italiano che potrebbe essere responsabile anche dei colpi messi a segno ieri mattina tra Casette d’Ete e Casabianca (leggi l’articolo). Andiamo per ordine con i dettagli.

Il rapinatore durante il colpo. Si nota lo strano rigonfiamento alle gambe

Il primo: i poliziotti hanno notato che quel rapinatore, nell’arrivare in tabaccheria non appoggiava bene i piedi a terra, e infatti il sospettato ha delle piaghe ai piedi. E ancora, ha un’escoriazione a un braccio. E anche questo coincide con il sospettato.

E ancora, è vestito in maniera anomala, ‘a cipolla’ si direbbe. Ossia sotto all’abbigliamento a vista ha altri indumenti. In modo tale da liberarli del primo “strato” una volta concluso il colpo. Manco a farlo apposta anche ieri i poliziotti, dopo la rapina a Casabianca, ha rinvenuto nella Fiat 500 rubata e usata dai ladri, dei capi d’abbigliamento, un primo strato, appunto. Uno più uno più uno. Morale della favola.

La polizia in azione

Pochi minuti dopo la rapina i poliziotti si sono recati in un bar in zona Ferro di Cavallo. E lì hanno prima trovato la bici usata dal malvivente per scappare (stesso colore, nero, stessa conformazione della canna, stessi danni al parafango anteriore), e poi il sospettato che, dai filmati di alcune telecamere in zona, risultava essere arrivato proprio in sella a quella bici.

 

I carabinieri

Tanti elementi, dunque, che hanno indotto i poliziotti con in testa Sciamanna a sospettare di quel russo naturalizzato italiano che così, a seguito di un’indagine lampo condotta dai poliziotti con assoluta rapidità e meticolosità, è stato accompagnato in commissariato per gli accertamenti di rito. Per il momento il giovane, in attesa degli sviluppi investigativi e giudiziari, è in stato di fermo.

 

Rapina a mano armata in tabaccheria: fa irruzione e scappa con la cassa (IL VIDEO DEL COLPO)

Paura in tabaccheria: rapinatori spintonano un cliente e scappano con il registratore di cassa


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X