facebook twitter rss

Le migrazioni tra istantanee e gommoni:
Marco Renzi presenta i suoi due libri

PORTO SAN GIORGIO - All'appuntamento in programma sabato 20 gennaio alle ore 17 nella Sala Lettura della Biblioteca Civica “Gino Pieri” interverà anche l'assessore Elisabetta Baldassarri
giovedì 18 Gennaio 2018 - Ore 09:39
Print Friendly, PDF & Email

Sabato 20 gennaio, alle ore 17 nella Sala Lettura della Biblioteca Civica “Gino Pieri” di Porto San Giorgio, Marco Renzi presenterà i suoi ultimi due libri usciti nel mese di novembre. Si tratta di pubblicazioni che hanno avuto un iter editoriale autonomo e che solo casualmente sono arrivati in libreria nello stesso momento. Parliamo di “Istantanee dagli ultimi della terra”, uscito per conto della Casa Editrice Dissensi di Viareggio (Lucca) e di “È arrivato un gommone carico di europei”, pubblicato da Planet Book di Castellana Grotte (Bari).

I due libri affrontano, anche se da prospettive completamente diverse, il tema delle migrazioni, ed è questa la ragione per cui vengono presentati insieme, se nelle “istantanee” si raccontano i luoghi da dove migliaia di disperati fuggono, nel “gommone” si immagina che tale flusso si sia invertito causa un ribaltamento delle economie mondiali.

“Istantanee dagli ultimi della Terra” racconta di viaggi in Etiopia, Amazzonia, Albania e Ghana, paesi dove è stato realizzato il progetto Teatri senza Frontiere (LEGGI QUI), che ha visto un gruppo di “sognattori” provenienti da varie parti d’Italia, mettere in campo una missione umanitaria diversa, nel tentativo di disegnare attraverso il teatro, loro mestiere, un cono di luce laddove l’ombra persiste, portando sorrisi in quelle popolazioni così diverse e difficili da comprendere. Si racconta di persone e paesi dove la miseria è dominante, dove futuro è una parola ancora impronunciabile e dove al contempo e inspiegabilmente riescono a sopravvivere gioia e voglia di fare.

Il “gommone” affronta il tema del ribaltamento della storia, della memoria che spesso ci sfugge, facendoci dimenticare di quanto, appena cento anni fa, i porti italiani erano pieni di disperati che con le loro valige di cartone cercavano una vita migliore verso le americhe. Si immagina che cambi climatici e nuovi materiali, reperibili solo nel continente africano, abbiamo portato lo stesso ad uno sviluppo inimmaginabile, fino a trasformarlo nel posto più ricco del pianeta. Sono gli europei adesso che cercano un futuro laggiù, e tra mille difficoltà si imbarcano mettendo a repentaglio la loro stessa vita.

L’incontro sarà aperto dall’assessore alla Cultura del Comune di Porto San Giorgio, Elisabetta Baldassarri.

 

 

Gli eroi dei Teatri senza Frontiere tornano a casa portando volti e voci del Kenya nel cuore


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X