facebook twitter rss

Fermana, rispetto ma non paura
verso una Reggiana diventata super

SERIE C - Gli emiliani sono imbattuti da 5 gare, quarti nella classifica generale ma primi in quella delle ultime 15 partite. Fuori casa però hanno conquistato meno punti dei canarini. Destro senza Cremona, dentro forse Cognigni dal 1', convocato Salifu. Associazione "Solo Fermana": in curva ad 1 Euro per gli under 18
Print Friendly, PDF & Email

Programma 29° giornata serie C (gruppo B)

FERMO – Stadio Bruno Recchioni, si torna a giocare di domenica (ore 18.30) per la disputa la 29° giornata di serie C (Gruppo B), sebbene la Fermana abbia giocato 25 gare (considerando i due riposi forzati nel girone di andata e il rinvio di Vicenza) e la Reggiana addirittura solo 23 (ha già osservato anche i due riposi del girone di ritorno).

Classifica generale alla vigilia della 29° giornata

L’allenatore gialloblù Flavio Destro dovrà rinunciare a due giocatori. Out il centravanti Cremona che durante il match contro la Triestina ha subìto un infortunio muscolare e negli ultimi giorni si è allenato a parte, la sua ripresa dovrebbe avvenire la prossima settimana.

Squalificato per un turno il terzino destro Clemente (non ha scontato contro il Vicenza perché rinviata); tutti disponibili gli altri.

Al posto di Cremona al centro dell’attacco probabile il bomber locale Cognigni, che sarebbe al suo esordio come titolare e alla ricerca del suo primo gol con la Fermana.
Per tutto il resto è impossibile fare previsioni: sull’out destro della difesa a quattro andrà Misin? Oppure difesa a tre con Misin in un centrocampo a 5? Oppure vedremo il 3-4-3 ?

LA REGGIANA E’ SUPER, MA SOLO IN CASA – La squadra emiliana è 4° nella classifica generale con 8 punti più della Fermana (39 contro 31). La compagine gialloblù è 12°, due punti fuori dalla zona playoff e a +8 dai playout.

I granata non hanno subito gol nelle ultime 3 partite e sono imbattuti da 5 gare (ultimo ko a Salò) in cui hanno conquistato ben 4 vittorie e un pari (media di 2,6 punti a match). Uno stato di forma eccezionale che la pone in testa alla classifica parziale sia degli ultimi 5 turni che addirittura nelle ultime 15 gare, con ben 4 punti più della capolista Padova.

Una brutta gatta da pelare per la Fermana che nelle ultime 5 partite ha conquistato 8 punti (media di 1,6 punti a match): 2 vittorie (Mestre e Teramo), 2 pari e una sconfitta, confermando da inizio stagione il suo andamento discontinuo.

Un “tallone d’Achille” però gli emiliani ce l’hanno: le gare fuori casa, dove hanno raggranellato 2 punti meno dei canarini, sebbene con 2 gare di meno; la media punti esterna è la stessa per entrambe le compagini: circa 1 punto a partita.

Punti in trasferta negli ultimi 15 turni

Ciò significa che i mostri non esistono, con l’approccio e l’agonismo giusti, l’undici di Flavio Destro può benissimo conquistare un altro punto che muoverebbe la classifica. All’andata al Mapei Stadium la Reggiana è stata facilmente bloccata sullo 0-0 dai gialloblù che nel finale sfiorarono anche il vantaggio. Quella di domani però è una Reggiana diversa e rivitalizzata.

PER LA SALVEZZA POTREBBERO MANCARE MENO DI DIECI PUNTI – Con la imminente penalizzazione del Vicenza (3 o 4 punti), per la salvezza senza playout alla Fermana potrebbero bastare anche meno di dieci punti. Mancano 9 gare, la Fermana viaggia alla media generale di circa 1,3 punti a partita, mentre le ultime due in classifica a 0,9 punti a gara, quindi se non cambiano marcia potrebbero non superare nemmeno i 35 punti. I canarini ne hanno già 31.

Anche il calendario potrebbe aiutare, nel caso in cui il Padova arrivasse a Fermo con la promozione diretta in B già matematicamente conquistata (dovrebbe stare a +10 dalla seconda, oggi è a +8, non è impossibile che ciò accada).

SCOMMESSE – La vittoria della Fermana viene pagata 3.10, il pari 2.87, il succeso ospite 2.37 da Bet 365.

Iniziativa di “Solo Fermana”

IN CURVA AD 1 EURO – Bella e interessante iniziativa dell’Associazione di tifosi “Solo Fermana” di cui abbiamo già riferito:

Under 18 in curva ad 1 Euro, la nuova iniziativa sull’asse Fermana-Solo Fermana

LE PAROLE DI SERGIO EBERINI – Il tecnico dela Reggiana ha dichiarato al Corriere dello Sport: “Il campo di Fermo non è facile, la Fermana ha delle buone qualità, possono far male, specie sugli esterni. Me li aspetto temibili e dovremo stare attenti”.

LE PAROLE DI FLAVIO DESTRO – “La Reggiana viene da un ottimo momento, sta giocando molto bene e aspira alla prima posizione. È una squadra molto importante e tonica”.

I 23 CONVOCATI – Out Cremona (infortunio muscolare in via di ripesa) e Clemente (squalifica), rientra Doninelli, escono Equizi e Ciarmela. Convocato per la prima volta il centrocampista centrale ghanese Salifu.

Punti complessivi maturati negli ultimi 15 turni

Portieri:
1 Valentini Mattia
Paolo Ginestra

Difensori:
2 Mane Mouhamed Bachir
3 Camilloni Nicola
5 Comotto Marco
6 Ferrante Edoardo
21 Gennnari Mattia
30 Sperotto Nicolò
13 Saporetti Lorenzo

Centrocampisti:
4 Urbinati Gianluca
8 Misin Alex
14 Capece Giorgio
16 Rossetti Matteo
18 Maurizi Samuele
20 Doninelli Andrea
23 Favo Vittorio
24 Grieco Roberto
27 Salifu Alimeyaw

Attaccanti:
7 Petrucci Andrea
17 Sansovini Marco
25 Da Silva Victor
29 Lupoli Arturo
32 Cognigni Luca

TERNA ARBITRALE – Su Gariglio di Pinerolo e i suoi assistenti (gli stessi di Reggiana-Fermana dell’andata) ne abbiamo parlato già qui:

Fermana – Reggiana, aperta la prevendita; Gariglio di Pinerolo il fischietto della contesa

UN SOLO PRECEDENTE TRA FERMANA E REGGIANA – Nel 2004/05 in serie C1 a Fermo terminò 0-2 (stesso risultato al ritorno allo Stadio Giglio) per i granata allenati da Bruno Giordano e degli ex Luca Bonfanti e Luigi Giandomenico. Gol di Napolioni (che aveva segnato una rete vincente con la Samb a Fermo due anni prima) e Costa. Al termine di quella stagione i granata aderirono al “Lodo Petrucci” e ripartirono dalla C2 mentre la Fermana fece un altro anno di C1, l’ultimo, nessuno si impegnò per utilizzare il “Lodo Petrucci” e due anni dopo i canarini dovettero ripartire da cinque categorie più in basso che hanno richiesto ben 11 anni per essere risalite.

In alcune circostanze i due club hanno militato negli stessi campionati (sia in D che in C), ma sempre in gironi diversi. Si sono incrociate invece una volta (98/99, C1) le squadre Allievi Nazionali, quella della Fermana era allenata da Andrea Bruniera.

8 TESSERATI IN COMUNE – I più importanti sono sicuramente l’ungherese Arpad Hajos (ex giocatore del Milan e allenatore della Fermana due volte negli anni ’30 e ’50) e il croato Ivan Sandukcic, passato alla Reggiana nel 1952 dove il primo anno in serie C fece coppia con l’argentino Enrico Flamini, detto Flaco.

Più recentemente altri giocatori che i tifosi forse ricorderanno di meno come Giovanni Tiberi, Francesco Meacci, Arnaldo Bonfanti e Fabio Tinazzi, infine il centrocampista Stefano Bagalini. Oggi l’unico ex in campo è Nicolò Sperotto (lo era Udoh King), nessun ex sulla sponda granata.

Paolo Bartolomei

 

Fermana-Reggiana del 2004/05 in C1, certi che domani andrà meglio


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X