facebook twitter rss

DRAMMA SULLA SPIAGGIA
Davide, morto nel mare che amava:
si tuffava in ogni stagione

PORTO SANT'ELPIDIO - Il 46enne di Civitanova è stato trovato senza vita questa mattina sulla battigia di Porto Sant'Elpidio. E' annegato. Nel suo passato un incidente che gli aveva cambiato l'esistenza. Gentile e cordiale, era conosciutissimo. Lascia i genitori e il fratello
mercoledì 21 Novembre 2018 - Ore 18:26
Print Friendly, PDF & Email

Davide Angelini

 

di Laura Boccanera

Amava il mare al punto da sfidare le temperature invernali e buttarsi in acqua per una nuotata. Davide Angelini è morto così, questa mattina, annegato dopo essere andato a fare un bagno in mare. Il suo corpo è stato trovato intorno alle 10,30 di questa mattina sulla battigia, a Porto Sant’Elpidio. A Civitanova Davide, 46 anni, lo conoscevano tutti. Perchè era un ragazzone buono e gentile, cordiale e socievole. Sempre pronto ad aiutare e scambiare due parole. E tutti conoscevano la sua storia, quando la vita ha invertito la rotta dei progetti che aveva con un incidente stradale. Era rimasto in coma, ma si era ripreso ed era tornato alla vita. Una vita diversa, ma che gli aveva consentito di avere comunque tanti amici e conoscenti e di fare tante cose.

I soccorsi sulla riva

Si era messo d’impegno e aveva riacquistato tutta la mobilità. Da quel giorno la palestra, lo sport, l’attività fisica e il benessere erano diventati un obiettivo e uno stile di vita. E anche il tuffo mattutino, estate o inverno, faceva parte di quel rituale che scandiva le sue giornate. Questa mattina è stato trovato sulla battigia da alcuni passanti all’altezza dello chalet “La perla sul mare”, nei pressi della pineta nord a Porto Sant’Elpidio. Il medico del 118 giunto sul posto ne ha constatato la morte per annegamento. Questa mattina aveva lasciato i suoi vestiti in un chiosco e poi era entrato in acqua. Da chiarire le cause che hanno portato all’annegamento. Una ipotesi è che il 46enne abbia avuto un malore mentre si trovava in acqua e poi abbia cercato di raggiungere la riva. Davide viveva con i genitori nel quartiere di Santa Maria Apparente, in via Mengoni. Il papà aveva un’azienda che produceva borse. Da ragazzo anche Davide aveva lavorato lì come stilista. Il 46enne lascia il padre, la madre e il fratello Danilo a cui era affezionatissimo.

DRAMMA SULLA SPIAGGIA Trovato morto in riva al mare, l’sos lanciato da alcuni passanti

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X