facebook twitter rss

Carabiniere accoltellato:
convalidato l’arresto per il 46enne,
perizia medico-legale sulla ferita

FERMO/MONTEGRANARO - L'uomo, che a seguito del pronunciamento del giudice è stato riaccompagnato in carcere, dovrà rispondere di tentato omicidio, resistenza al pubblico ufficiale, lesioni aggravate e porto abusivo d'arma. Intanto un medico legale ha effettuato i primi accertamenti sulla ferita
Print Friendly, PDF & Email

Il brigadiere capo Mario Iadonato

Il 46enne di origini marocchine, residente a Montegranaro, che sabato notte ha accoltellato alle spalle il brigadiere capo Mario Iadonato, B.B. le sue iniziali, resta in carcere. Questa mattina, infatti, al tribunale di Fermo, si è tenuta l’udienza per la richiesta di convalida dell’arresto avanzata dal sostituto procuratore Marinella Bosi che ha in mano il caso. E il gip Cesare Marziali nel pomeriggio ha sciolto la riserva sulla decisione. L’uomo, che a seguito del pronunciamento del giudice è stato riaccompagnato in carcere, dovrà rispondere di tentato omicidio, resistenza al pubblico ufficiale, lesioni aggravate e porto abusivo d’arma.

Accuse pesantissime, dunque, quelle a carico del marocchino difeso dall’avvocato, assegnatogli d’ufficio, Paola Corvatta. Intanto, proprio nel tentativo di fare luce su ogni minimo particolare di quella notte di sangue e paura, vissuta sabato scorso dal brigadiere Iadonato, ancora ricoverato al reparto di Chirurgia dell’ospedale Murri di Fermo, è stata richiesta una perizia a un ctu, un medico legale che ha già effettuato, in mattinata, alcuni primi accertamenti sulla ferita inferta al militare con una coltellata che lo ha raggiunto alla scapola sinistra e che gli ha provocato una ferita al polmone.

Ferita che ha, a sua volta, provocato uno sversamento a causa del quale il carabiniere è stato sottoposto a drenaggio. Il medico legale continuerà anche nelle prossime ore il suo lavoro di approfondimento consultando nel dettaglio anche tutta la documentazione sanitaria raccolta. Tornando al tribunale, l’udienza è avvenuta a porte chiuse e, convalidato l’arresto, è stata applicata anche la misura in carcere.

Intanto in giornata alcuni rappresentanti della comunità islamica montegranarese hanno fatto visita al brigadiere per esprimergli solidarietà ed auguragli una pronta guarigione.

P.Pier.

Accoltellato alle spalle, intervista al brigadiere Iadonato: «Ho sentito un dolore fortissimo quando ha girato la lama»

Sangue e terrore nella notte: carabiniere accoltellato alle spalle, accerchiato il criminale

CARABINIERE ACCOLTELLATO Il brigadiere all’Arma e ai medici: “Voglio subito tornare al lavoro”

Carabiniere accoltellato Condizioni di salute stabili, aggressione premeditata? (Videointervista)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X