fbpx
facebook twitter rss

Per il 16 dicembre
una nuova figura
contro la crisi delle imprese 

PAROLA AGLI ESPERTI - Continua su Cronache Fermane la rubrica in collaborazione con l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Fermo guidato dalla presidente Eliana Quintili. Ogni settimana i professionisti iscritti all'Ordine affronteranno temi di attualità e approfondimenti sul mondo della contabilità, fiscale e del lavoro. Il tutto contraddistinto da una puntuale e precisa informazione garantita dall'altissima preparazione dei componenti dell'ordine professionale fermano
Print Friendly, PDF & Email

di Luca Nardoni

Salvo proroghe inattese, tra pochi giorni – il 16 dicembre per l’esattezza – scadrà il termine concesso alle srl che superano i nuovi parametri di legge per provvedere alla nomina di un revisore legale o di un organo di controllo (art. 2477 del Codice Civile).

In primavera, infatti, il nuovissimo Codice della Crisi e un successivo Decreto Legge hanno abbassato drasticamente i livelli per l’obbligo in questione, portandoli a:

  • 4 milioni di euro, per l’attivo di bilancio;
  • 4 milioni di euro, per i ricavi;
  • 20 unità, per la media dei dipendenti occupati nell’anno;

e prevedendone l’adozione entro l’anno.

L’obbligo scatta al superamento, per due esercizi consecutivi, di un solo parametro (anche diverso), mentre cessa quando, per tre esercizi consecutivi, non ne sia superato alcuno. Gli interessati, se necessario, devono prima uniformare lo statuto sociale alle nuove disposizioni (assemblea straordinaria davanti al notaio) e, in ogni caso, devono riunire l’assemblea ordinaria entro il 16/12 per la nomina.

La mancata convocazione dell’assemblea di nomina comporta per gli amministratori una sanzione fino a 6 mila euro mentre se i soci non provvedono poi alla nomina interviene il Tribunale, che fissa anche i compensi per l’organo.

Per capire la portata del fenomeno, che le Camere di Commercio stimano interessare circa 2.000 società marchigiane e 70 mila in tutta Italia, va ricordato che in precedenza i limiti erano molto più alti (es. il parametro “dipendenti” era fissato a 50).

E’ palese che così si voglia introdurre, anche nelle imprese “piccole”, supporto e monitoraggio di livello professionale: in effetti, quando dal prossimo agosto il nuovo Codice sostituirà la Legge Fallimentare del 1942, i revisori saranno chiamati a verificare che gli amministratori valutino costantemente se l’assetto organizzativo dell’impresa è adeguato, se sussiste l’equilibrio economico-finanziario e quale sia l’andamento prevedibile della gestione, segnalando immediatamente agli stessi l’esistenza di fondati indizi della crisi.

Pur apparendo un ennesimo balzello, questa norma migliorerà la solidità delle imprese e la fiducia nel sistema economico; il nuovo, articolato sistema di facoltà, obblighi e responsabilità coinvolgerà, avvicinandoli, imprenditori e professionisti, e potrà finalmente intaccare i due grandi mali di un’impresa in difficoltà, l’incapacità di misurare i problemi e il ritardo nel prendere decisioni.

Per questo compito delicato si richiede preparazione e aggiornamento continuo, le caratteristiche del Commercialista… contatta subito il tuo!

 

POSSONO INTERESSARTI ANCHE I SEGUENTI ARTICOLI:

Imposta municipale propria (Imu): presupposto impositivo e soggetti passivi

Il controllo di gestione e la distinta base: come ottimizzare i risultati della propria impresa

Utile d’Esercizio e Conto Corrente a saldo zero: magia o realtà?

Legge antisuicidi: i commercialisti a disposizione di chi deve affrontare difficoltà economiche


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X