facebook twitter rss

Nessun caso di CoronaVirus al Murri, l’Area Vasta 4: “Non ci sono pazienti ricoverati che possano essere classificati come casi sospetti”

FERMO - Le parole del direttore dell'Area Vasta Licio Livini che è interviene per fare chiarezza in merito ad una preoccupazione, rivelatasi priva di alcun fondamento, diffusasi rapidamente questa mattina in tutto il territorio provinciale fermano e che ha creato allarmismo tra i cittadini.
Print Friendly, PDF & Email

Il direttore Av4, Licio Livini

 

di Paolo Paoletti

“Nessun caso di CoronaVirus al Murri. Attualmente non ci sono pazienti ricoverati all’ospedale Murri di Fermo che possano essere classificati come casi sospetti di malattia da CoronaVirus collegati con l’epidemia cinese. La notizia apparsa oggi sulla stampa della cronaca locale di una testata giornalistica è priva di fondamento. Non abbiamo alcun paziente sospetto ricoverato in ospedale”. Sono le parole del direttore dell’Area Vasta Licio Livini che è interviene per fare chiarezza in merito ad una preoccupazione, rivelatasi priva di alcun fondamento, diffusasi rapidamente questa mattina in tutto il territorio provinciale fermano e che ha creato allarmismo tra i cittadini.

A riguardo questa mattina era intervenuto anche il Comune di Fermo, il cui sindaco, Paolo Calcinaro, è stato tempestato di telefonate di cittadini preoccupati: “Per chiarezza – si legge nella nota del Comune – stante il generico articolo di stampa uscito, non si segnala alcun caso di osservazione da possibile CoronaVirus nelle scuole della Città di Fermo. Si chiede massimo senso di responsabilità e collaborazione”.

Direttore dell’Area Vasta 4, Licio Livini, che dai microfoni del giornale radio di Radio Fermo Uno ha voluto tranquillizzare la popolazione spiegando come siano state adottate tutte le linee guida per garantire la gestione del caso: “La Regione Marche ha attivato il Gruppo Operativo Regionale Emergenza Sanitaria che ha trasmesso le indicazioni per la sorveglianza e la gestione nel territorio regionale di eventuali casi sospetti o probabili di malattia da CoronaVirus – prosegue Livini – l’Area Vasta 4, già attiva, sta applicando le indicazioni del Gores in linea con il protocollo operativo. Il Gores sta elaborando ed emanerà in tempi brevi una specifica procedura per la gestione dei contatti e dei casi confermati. Gli aspetti di comunicazione istituzionale saranno gestiti a livello centralizzato regionale tramite gli uffici regionali addetti alla comunicazione”.

Livini che conclude: “E’ chiaro che siamo di fronte ad una notizia di carattere mondiale e che dunque può subentrare una forte preoccupazione per tutti, soprattutto per quelle comunità  che provengono dalle zone colpite della Cina. Al momento non ci sono pazienti classificabili come casi sospetti. A livello di Area Vasta ,con il nostro nucleo operativo interno, stiamo facendo quello che è d’obbligo fare. Sul nostro sito  gli utenti possono consultare i siti ufficiali nazionali e in particolare la sezione Faq del Ministero della Salute  dove sarà possibile trovere le risposte a tutti i  dubbi (http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioFaqNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=228)”




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X