facebook twitter rss

I servizi ginecologici del centro “La Fenice” col dr. Burattini: “Prevenzione costante per il benessere della donna” VIDEO INTERVISTA

FERMO - Ottimi riscontri per i checkup post Covid: "Pazienti e medici di base soddisfatti, offriamo una valutazione completa delle conseguenze, anche psicologiche, del virus"
Print Friendly, PDF & Email

Consueto appuntamento oggi ai microfoni di Radio Fermo Uno con gli specialisti del Centro medico La fenice. Una chiacchierata per approfondire i servizi erogati ed analizzare i migliori trattamenti per le diverse patologie. Oggi, insieme al responsabile della comunicazione Alberto Gagliardi, è stata la volta del dr Luca Burattini, ginecologo.

Prima di iniziare con le tematiche di giornata, un breve focus sui servizi, recentemente avviati, di screening per pazienti post  Covid. “Il servizio long Covid è partito molto bene – commenta il dr. Gagliardi – I pazienti sono davvero soddisfatti, è un servizio apprezzato anche dai medici di base. Il checkup che proponiamo mette in luce conseguenze a lungo termine, long Covid. Si inizia con la visita pneumologica, ci sono alcuni test come l’aspirometria ed il test del cammino, si prosegue con la visita cardiologica, con ecg, tracciato, ed ecocardio, fino alla consulenza psicologica ed agli esami ematologici. Al termine del percorso il medico valuta tutti gli esami e fornisce indicazioni dettagliate ed utili ai pazienti”.

Tema di oggi, i servizi ginecologici della Fenice. “Proponiamo attività di prevenzione, visite ambulatoriali ginecologiche ed ostetriche, attività ecografica ed ostetrica – commenta il dr Burattini – Sono servizi che aiutano alla diagnosi immediata ed alla prevenzione delle patologie a carico dell’apparto genitale. Effettuiamo anche prime indagini sulla sterilità. Il centro ha una piccola sala operatoria per interventi in anestesia locale. E’ bene ricordare che sarebbe opportuno eseguire una visita ginecologica ed un’ecografia con regolarità, da quando si inizia ad avere un’attività sessuale. Preferibilmente sarebbe bene ripetere paptest ed esami ecografici annualmente, o al massimo ogni 24 mesi. Altro aspetto importante sono le indagini sulla mammella. In questo senso, è estremamente utile che le donne effettuino l’autopalpazione per percepire se vi siano dei cambiamenti in atto. E’ già un criterio prezioso per cogliere dei cambiamenti, poi rivolgersi ad uno specialista”.

Nella disamina del dr. Burattini, l’utilità del paptest, “un prelievo di cellule a livello della cervice uterina che consente di valutare se vi sono delle patologie, quasi sempre legate al papilloma virus. E’ un esame che consente una diagnosi precoce sullo stato della cervice uterina”. Sull’endometriosi, il ginecologo del centro La fenice parla di “una patologia che provoca intensi dolori pelvici e di frequente porta alla sterilità.  Può essere aggredita con terapia medica o chirurgica, dipende da quanto sia invalidante”.

ARTICOLI CORRELATI

Controlli dopo il Covid, che fare? Le risposte dal centro “La Fenice” con il check up

Il centro La Fenice e l’odontoiatria:“Macchinari all’avanguardia e sinergia con gli altri reparti” (video intervista)

 

Le novità nel campo delle protesi e della chirurgia ortopedica, le spiegazioni del dr. Pirani del centro La Fenice (ASCOLTA IL PODCAST)

SPAZIO INFORMATIVO PROMOREDAZIONALE: direttore sanitario dott. Giuseppe Tanfani


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti