facebook rss

Merletti (Confartigianato) tra i terremotati
di Arquata e Acquasanta

SISMA - La sigla associativa: "La quasi totalità delle micro e piccolissime imprese che costituiscono il tessuto economico locale di questi luoghi, come le strutture ricettive, le imprese edili, le attività di somministrazione, produzione e vendita di prodotti tipici ha riportato danni ingentissimi fino in moltissimi casi al blocco totale della produzione"
sabato 3 settembre 2016 - Ore 10:58
Print Friendly, PDF & Email
Giorgio Merletti

Il presidente Confartigianato, Giorgio Merletti

Si è protratta fino al primo pomeriggio di ieri l’intensa visita del presidente della Confartigianato nazionale Giorgio Merletti, ad Ascoli Piceno. Guidato dai vertici della Confartigianato di Ascoli Piceno, tra cui la presidente Natascia Troli e una delegazione di imprese artigiane, Merletti ha visitato le frazioni Borgo di Arquata dove ha sostato presso il gazebo che la Confartigianato di Ascoli Piceno ha allestito da alcuni giorni per fornire alle imprese e alle persone vicinanza e assistenza su utenze e finanziamenti in corso. Il presidente si è poi recato a Pretare presso la nuova tendopoli voluta con forza dai residenti e caldeggiata dall’associazione di Ascoli Piceno con la fattiva collaborazione di tanti, Misericordia, Croce Rossa, Confartigianato de L’Aquila e che ha ottenuto riconoscimento di campo per tutti gli sfollati della frazione. Infine tappa all’abitato di quella che fino alla notte del 24 agosto era la frazione di Pescara del Tronto, e a seguire visita al campo base del comune di Acquasanta. “Merletti – fanno sapere da Confartigianato – ha ascoltato con viva partecipazione le voci dei cittadini e degli artigiani locali, le cui produzioni, mezzi e capannoni sono stati messi in ginocchio dall’evento sismico. Presso i gazebo della Confartigianato sono state raccolte e registrate numerose segnalazioni da parte di imprese e cittadini in merito ai danni subiti ad abitazioni, botteghe, opifici e capannoni, nonché ad attrezzature e macchinari. La quasi totalità delle micro e piccolissime imprese che costituiscono il tessuto economico locale di questi luoghi, come le strutture ricettive, le imprese edili, le attività di somministrazione, produzione e vendita di prodotti tipici ha riportato danni ingentissimi fino in moltissimi casi al blocco totale della produzione.
Questa base dati, in costante aggiornamento, costituisce un punto di partenza per Confartigianato per comprendere fino in fondo le dimensioni del disastro e servirà da censimento capillare e puntuale per ogni azione che verrà intrapresa nell’ambito del riavvio graduale della vita in questi luoghi.
I contatti saranno informati da Confartigianato in merito a tutte le azioni quali incentivi, agevolazioni e quant’altro possa riguardare essere attivato in favore dell’economia locale.
Il gazebo di Confartigianato Ap è raggiungibile sempre al recapito mobile 3294497732 (utenza abilitata anche a Whatsapp).
Sulla bacheca Facebook dell’associazione https://www.facebook.com/Confartigianato.AscoliPiceno.Fermo e nel sito www.apfm.it è possibile seguire la cronaca giorno per giorno delle permanenze del gazebo informativo e delle azioni di solidarietà portate a termine. Le imprese e le persone bisognose possono segnalarci ogni reale necessità ai numeri: 0736336402 e 3294497732 (anche con Whatsapp).

Inoltre, la Confartigianato Imprese nazionale ha aperto un conto corrente bancario per una raccolta fondi a favore delle zone terremotate. Si riportano di seguito i riferimenti:
Confartigianato Raccolta Fondi Terremoto Italia Centrale 2016
Cod. IBAN: IT81H0569603224000003941X65


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X