facebook twitter rss

IL RACCONTO
Incidente choc, «ci siamo ribaltate,
per fortuna siamo illese»

PORTO SANT'ELPIDIO - Il racconto di Giovanna Capodarca (candidato sindaco alle ultime elezioni) e Simonetta Bonacci che ieri sera si sono ribaltate nella pineta di Porto Sant'Elpidio
lunedì 24 Settembre 2018 - Ore 21:23
Print Friendly, PDF & Email

Giovanna Capodarca

 

di Laura Boccanera

«Siamo vive per miracolo, l’auto è distrutta, ricordo lo scoppio dell’airbag che ci esplode dopo che la vettura si ribalta, è stato un incubo, ma siamo miracolosamente illese». Sono uscite oggi dall’ospedale di Civitanova Giovanna Capodarca e Simonetta Bonacci, le due civitanovesi che ieri sera si sono ribaltate a bordo della Mini della Bonacci nei pressi della Pineta di Porto Sant’Elpidio. Un incidente terribile che fortunatamente non ha avuto conseguenze gravi per le due donne, uscite illese, seppur doloranti, dall’abitacolo della vettura. E’ proprio Giovanna, che è stata anche candidato sindaco del comune di Civitanova nell’ultima tornata elettorale, a raccontare quel drammatico incidente: «avevamo deciso con Simonetta di andare a prendere un gelato a Porto Sant’Elpidio e lei mi è venuta a prendere. Eravamo nei pressi della pineta quando per evitare un’auto che usciva da un parcheggio e che abbiamo toccato solo di striscio, Simonetta ha sbandato, ha colpito la recinzione della Pineta nell’altro senso di marcia e l’auto si è cappottata. Siamo finite a testa in giù.

Uno spavento indicibile, sono anche svenuta un paio di volte per lo choc. Ricordo l’airbag che si apre e la sensazione di essere senza respiro, il fumo provocato dallo scoppio dei due dispositivi e il timore che potesse bruciare tutto». Ad aiutarle a venire fuori anche molti avventori dei locali che danno sulla via principale e che ieri era ancora trafficata: «noi da dentro provavamo ad aprire, poi altri da fuori tiravano, ma le portiere erano bloccate, alla fine siamo riuscite ad uscire, ma è stato terribile». Una disavventura terribile dalla quale però fortunatamente le due donne sono uscite quasi illese: per la Capodarca ematomi vari, ma nessuna lesione, mentre alla Bonacci, una volta giunta al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova, i medici hanno praticato alcuni punti di sutura alle mani e ai piedi a causa di alcune schegge di vetro del parabrezza rosso. Anche per lei ematomi vari in tutto il corpo a seguito della botta. «E’ andata bene che nessuno sia rimasto coinvolto e che l’auto non abbia travolto nessuno».

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page

Caricamento..

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X