facebook twitter rss

Fermana, con la
Triestina ancora ko

SERIE C - Partita compromessa dopo pochi minuti da un'incertezza di Gemello. Gialloblù in crescendo soprattutto nel secondo tempo, ma con troppi giocatori opachi. Poi i canarini restano in dieci e subito dopo arriva il raddoppio ed il tris degli ospiti. Termina 0-3, domenica a Rimini delicato scontro salvezza
Print Friendly, PDF & Email

Al termine altra contestazione del pubblico

 

di Paolo Bartolomei

FERMO – Dopo il buon avvio di Modena, la Fermana di Antonioli non riesce a ripetersi contro una Triestina ben organizzata ma non certo trascendentale. Troppi giocatori parsi forse stanchi per le troppe partite ravvicinate (la squadra biancorossa aveva un giorno in più di riposo) e troppi errori individuali, non compensati dalla generosità e dalla buona volontà.

Gemello, protagonosta in negativo della serata

Partita in salita dopo pochi minuti per una incertezza del portiere Gemello che manda in gol l’ex Costantino. La Fermana fatica a guadagnare metri, meglio nella ripresa quando va vicina al pareggio, poi resta in dieci per la eccessiva generosità di Persia, uno dei migliori in campo, e arrivano in pochi minuti il raddoppio e il tris della Triestina.

Domenica a Rimini per la Fermana sarà quasi un’ultima spiaggia con una formazione di bassa classifica.

IL TABELLINO

FERMANA 0 (4-2-3-1): Gemello; Bellini (20′ st Iotti), Comotto, Scrosta, Sperotto; Ricciardi, Persia; Liguori (20′ st Petrucci), D’Angelo (1′ st Rolfini), Bacio Terracino (39 st Mantini); Maistrello (32′ st Cognigni). A disp. Palombo, Manetta, Isacco, Urbinati, Fiumicetti, Molinari. All. Mauro Antonioli

TRIESTINA 3 (4-4-2): Offredi; Formiconi, Malomo (17′ st Codromaz), Lambrughi, Scrugli; Procaccio (31′ st Beccaro), Glorico, Maracchi, Gatto (11′ st Mensah); Costantino (11′ st Gomez), Ferretti (17′ st Granoche). A disp. Rossi, Matosevic, Frascatore, Roline De Genova, Steffè, Hidalgo, Vicaroni. All. Carmine Gautieri

ARBITRO: Alessandro Di Graci di Como; ass. Marco Belsanti di Bari e Davide Stringini di Avezzano

RETI: 10′ Costantino, 36′ st Gomez, 44′ st Beccaro

NOTE: Espulsi Persia per doppia ammonizione al 35′ st, e dalla panchina il club manager della Fermana Walter Matacotta; ammoniti Maraccchi, Rolfini, Mensah, Persia, Petrucci, Mantini; angoli 4-2; recupero 0’+3′. Spettatori 1360 di cui 1218 abbonati, 158 paganti di cui 25 ospiti, incasso 1850€, rateo abbonati € 3365

LA CRONACA

Alla consegna in tribuna stampa delle distinte viene fatto notare che l’assistente numero uno non è quello designato due giorni fa, ma un sostituto. Nemmeno il tempo di accomodarsi che al 10′ la Triestina sblocca grazie ad uno sfortunato incidente del portiere Gemello (ricordiamo che è un classe 2000 e lo scorso anno era titolare della Primavera del Torino) che già nelle precedenti partite aveva denotato in qualche circostanza troppe incertezze.

Conclusione tesa ma non certo irresistibile di un biancorosso, l’estremo di casa non trattiene, sul tapin interviene Costantino che mette in rete: 0-1 e partita subito in salita per i canarini.
La replica della Fermana arriva 9′ più tardi con Bacio Terracino che, sugli sviluppi di una punizione, costringe Offredi al secondo corner con una bella conclusione.

Triestina vicinissima al raddoppio al 35′, questa volta Gemello respinge la girata di Ferretti. Seguono due conclusioni alte di D’Angelo e Ricciardi. Non giova alle sorti della partita neanche l’inversione di posizione tra D’Angelo e Bacio Terracino. Troppi giocatori gialloblù contratti e che paiono stanchi per le partite a distanza di soli tre giorni, mentre ricordiamo che la Triestina ha avuto un giorno in più per riposare. Peccato perché la mediana funzionava con un super Persia, alla fine bravo anche a proporsi in avanti, e il solito Ricciardi preciso e ordinato.

Ad inizio ripresa Antonioli sostituisce subito D’Angelo, parso in tutto il primo tempo provato forse per la gara ad alta intensità di lunedì sera (e ricordiamo che è stato fermo a lungo nei mesi precedenti) ed inserisce Rolfini, giocando quindi con due vere punte. I gialloblù iniziano con un diverso piglio e al 5′ vanno vicinissimi al pari con Liguori, bella rovesciata in piena area con Offredi battuto, salva sulla linea un triestino con un colpo di testa.

Al 20′ Antonioli getta nella mischia Iotti e Petrucci senza cambiare lo schieramento, la Fermana guadagna terreno e si fa più pericolosa, Bacio Terracino conquista spazio. Al 25′ bella azione di Rolfini che penetra in area, resiste ad una carica con un tiro forte da posizione defilata costringe Offredi a respingere, nessuno pronto al tapin.

A dieci minuti dal termine espulso per doppio giallo Persia, fino a questo momento uno dei migliori in campo per generosità e anche capacità. Subito dopo arriva il raddoppio degli ospiti che da diversi minuti non si erano più affacciati verso l’area di Gemello, un gran tiro di Gomez da oltre venti metri si infila alle spalle del portiere gialloblù e partita praticamete chiusa. Il sigillo finale è di Beccaro con un diagonale ben angolato ma lento.

A termine altra contestazione dei tifosi, e domenica a si Rimini, squadra che ha appena raggiunto in classifica la Fermana, per un altro scontro salvezza dopo quello con Imolese e Modena.

 

Articolo correlato:

Fermana-Triestina, le voci dalla sala stampa

La Fermana contro la Triestina vuole ritrovare la vittoria in casa

Modena-Fermana, l’analisi dalla sala stampa

La Fermana ritrova lo smalto, a Modena un pari quasi stretto


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti