facebook twitter rss

Ritardo consegna vaccini, Berlusconi e Tajani interrogano la Commissione Europea: il grazie di Battistoni e Marcozzi

VACCINI - "Si chiede l'intervento della Commissione Europea per verificare il rispetto dei termini contrattuali da parte della Pfizer e, allo stesso tempo, quali iniziative intenda adottare per ovviare alla carenza nella distribuzione delle dosi, carenza che interessa anche la regione Marche"
Print Friendly, PDF & Email

“Ritardi inaccettabili nella consegna dei vaccini. L’impegno di Forza Italia per la salute pubblica nella lotta al Coronavirus, a tutti i livelli”. Il Commissario regionale FI delle Marche, Sen. Francesco Battistoni e la Capogruppo regionale FI, Jessica Marcozzi, ringraziano il presidente FI Silvio Berlusconi e il vicepresidente FI Antonio Tajani per essersi fatti carico del problema del ritardo dei vaccini all’Italia presentando un’interrogazione alla Commissione Europea.

“Si chiede l’intervento della Commissione Europea per verificare il rispetto dei termini contrattuali da parte della Pfizer e, allo stesso tempo, quali iniziative intenda adottare per ovviare alla carenza nella distribuzione delle dosi, carenza che interessa anche la regione Marche – spiegano Battistoni e Marcozzi –  Nell’ambito della strategia europea per accelerare lo sviluppo, la produzione e la diffusione di vaccini efficaci e sicuri contro il Covid-19, la Commissione europea ha infatti finanziato la ricerca attraverso sovvenzioni ad alcune aziende farmaceutiche private negoziando il costo delle dosi e supervisionandone la distribuzione. L’azienda statunitense Pfizer, però, ha tagliato la fornitura dei vaccini destinati in questi giorni all’Italia di circa il 30% della quantità stabilita, senza procedere ad una preventiva comunicazione ma il contratto firmato dalla Commissione europea con le aziende che producono il vaccino prevede che la fornitura di vaccini debba essere omogenea, ed eventuali modifiche debbano essere comunicate con un anticipo congruo. E ora si rischia che la riduzione della fornitura comprometta la funzionalità del piano vaccinale”.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti