facebook twitter rss

Covid variante inglese, Acquaroli:
“No zone rosse o arancioni nelle Marche
ma monitoriamo la situazione”

IL PRESIDENTE della Regione, come riportato dall'Ansa Marche, sul rischio espansione della variante inglese del Coronavirus dopo i casi nell'Anconetano: "Se la situazione dovesse evolvere in maniera pesante, rischiando di far precipitare intere province, o l'intera regione, in situazioni spiacevoli, le cose potrebbero cambiare"
Print Friendly, PDF & Email

“Non parliamo di zone rosse o arancione, nel caso fosse necessario valuteremo quelle misure idonee a circoscrivere il contagio”. Lo ha detto il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, come riportato dall’Ansa Marche, in merito ai casi di variante inglese del Covid riscontrati alcune scuole delle Marche e sulla diffusione della stessa tra la popolazione, soprattutto nell’Anconetano.

Acquaroli ha fatto presente, sempre citando l’Ansa, che “le percentuali sono abbastanza consistenti ma i numeri non sono elevatissimi. Stiamo valutando con gli uffici, con l’assessore alla sanità Saltamartini, i tecnici del Gores per capire come e se intervenire. Ad oggi monitoraggio, tamponi, individuare e isolare i positivi sono gli strumenti più importanti. In questo momento non si pensa a un’iniziativa più impattante. Chiaro che nelle prossime ore, nelle prossime giornate valuteremo l’andamento, se diventerà importante dovremo pensare a intervenire in modo diverso per circoscrivere il contagio della variante inglese”.
Al momento però è un’ipotesi “remota, speriamo che i numeri restino bassi, oggi abbiamo un numero di contagi basso, a differenza degli altri lunedì non c’era calca o affollamento negli ospedali. Restiamo in allerta ma non c’è alcuna situazione con un impatto tale da farci scegliere la zona rossa. Ma – conclude il presidente – se la situazione dovesse evolvere in maniera pesante, rischiando di far precipitare intere province, o l’intera regione, in situazioni spiacevoli, le cose potrebbero cambiare”. Acquaroli ha anche ventilato la “possibilità di non creare assembramenti nei Comuni interessati. Sono ipotesi e restano ipotesi, chiaro che se il contagio dovesse alzarsi dovremmo provare a circoscriverlo”.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti