facebook twitter rss

Il Cobà è una certezza,
splende il sole
sul resto della stagione

SERIE A2 - Battuta internamente l'Ortona Tombesi con un 2-1 di platino: la capolista Manfredonia, con due partite disputate in più, ora si trova solo a 5 punti. Ed in tasca figura già la qualificazione per le finali di Coppa Italia, da qui alla fine dei giochi per il collettivo di Ricci tantissime interessanti prospettive, frutto delle sette vittorie consecutive
Print Friendly, PDF & Email

PORTO SAN GIORGIO –  Vittoria di platino quella ottenuta ieri, al PalaSavelli, dagli Sharks contro una tenace Tombesi Ortona, compagine che, vista ieri, non può farsi sfuggire i playoffs e poi disputarli da protagonista.

Oltre ad aver tolto dalle gare mancanti una di quelle più ostiche (almeno sulla carta), c’è anche la soddisfazione di aver raggiunto importanti traguardi: in primo luogo, quello di essersi qualificati per le Finali di Coppa Italia di serie A2 come primi in classifica del girone C (è da quando il Futsal Cobà fa parte dei campionati nazionali che questo appuntamento viene puntualmente raggiunto) e poi l’aver quasi del tutto colmato il distacco dall’ attuale capolista Manfredonia, che adesso ha ancora 5 punti di vantaggio ma con due gare in più giocate.

La gara contro la Tombesi Ortona, già difficile di per sé,  è stata approcciata con un Cobà apparso subito stanco, visti i tanti impegni ravvicinati. Il quintetto di Ricci, però, riesce a lasciare poco agli avversari, a testimonianza della bontà dell’impalcatura costruita, e dopo poco più di tre minuti passia in vantaggio grazie ad un Mateus sempre più determinante. Ortona reagisce subito: un rimpallo porta Silveira lo porta vicinissimo al pareggio, ma arriva Borsato e impedisce al pallone di varcare la linea di porta. Un altro paio di situazioni scabrose non portano esito, poi il Cobà riprende in mano le redini del match.

All’intervallo, dunque, si va sul vantaggio di 1-0. Nella ripresa la Tombesi accelera e un intervento di Del Pizzo su Vilmar Pereira porta l’arbitro numero 2 Ghetti di Bologna a decretare il calcio di rigore, trasformato con agio da Renan Pizzo. Sulla situazione di parità, regna l’equilibrio e la gara si sale di tono. Dopo una traversa colpita per parte, quasi al 13’ arriva il momento magico: triangolazione tra il Persec e Borsato che innesca la torcida virtuale sangiorgese e riporta il vantaggio. Il resto della gara non ha storia e questo è un grande merito dei sangiorgesi nonostante la stanchezza.

Mister Antonio Ricci commenta: “Sette vittorie consecutive sono un bel traguardo. Oggi eravamo un po’ stanchi, ma era normale dopo tanti turni infrasettimanali di recupero. Ogni partita però va affrontata con lo spirito giusto e questo non è venuto mai a mancare. Teniamo poi conto della forza dell’avversario, la Tombesi Ortona, che non ha mollato di un centimetro. Il traguardo della fase finale di Coppa Italia mi inorgoglisce e i ragazzi lo hanno strameritato, numeri alla mano siamo anche campioni d’inverno. La vittoria in esame vale i tre punti e il proseguimento di un sogno, ma ora testa bassa e sotto con le altre gare da affrontare come fossero tutte finali”.

 

 

Articoli correlati: 

Il Cobà non si ferma più: superato anche il Giovinazzo

Impresa Cobà, violato il campo di Manfredonia

Cobà da 10 e lode, demolito il Cus Molise

Cobà, la rotta è giusta: liquidato anche il Giovinazzo

Cobà da 7 bellezze, successo nel recupero contro Pistoia

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti