facebook twitter rss

Un’altra settimana in zona rossa,
pressione ospedaliera molto alta

IL PRESIDENTE Francesco Acquaroli ha sottolineato che nel corso di questa settimana il numero dei contagi e la pressione nei pronto soccorso si sta riducendo ma che non basta per consentire di allentare le restrizioni
Print Friendly, PDF & Email

 

Acquaroli-webinar-01-325x182

 

Le Marche resteranno in zona rossa per la prossima settimana. A comunicarlo è il presidente Francesco Acquaroli che conferma quanto anticipato ieri da Cronache.

Il governatore fa anche il punto sulla situazione nei Pronto soccorso e negli ospedali e rende noti i numeri relativi alla somministrazione dei vaccini. “Mi dispiace dovervi comunicare – scrive nei social – che a causa del numero dei contagi riscontrati nella nostra regione nella scorsa settimana, che sono superiori a 250 ogni 100mila abitanti, anche la prossima settimana saremo in zona rossa per quanto stabilito dall’ultimo decreto legge. Nel corso di questa settimana il numero dei contagi e la pressione nei pronto soccorso si sta riducendo, mentre resta ancora molto alta la pressione ospedaliera. Nonostante la comprensibile esasperazione e le molteplici difficoltà, continuo a raccomandare a tutti la massima attenzione per superare quanto prima questa situazione complicata. Nel frattempo continua la campagna di vaccinazione. A questa mattina sono oltre 147 mila i marchigiani che hanno ricevuto la prima dose, quasi il 10% della popolazione regionale, per un totale di oltre 230 mila somministrazioni, il 91,3% delle dosi che ci sono state consegnate”.

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti