facebook twitter rss

Bellezza, competenza e passione:
ecco le Miss del
Gran Premio di Capodarco

CICLISMO - Anastasia Lanciotti, Kristel Talamonti, Valentina Greci, Larissa Salvadori, Sara Di Chiara e Rachele Cicconi tra le ragazze che lo scorso 16 agosto hanno metaforicamente colorato di rosa il tracciato di gara ed il podio dei vincitori della 47sima edizione della corsa per Under 23
Print Friendly, PDF & Email

La panoramica con tutte le Miss che hanno presenziato all’edizione 2018

FERMO – “Anche l’occhio vuole la sua parte“, pur essendo una massima oltremodo scontata, diremmo piuttosto ovvia quanto inflazionata, rimane comunque a fedele testimonianza del piacevole contorno, in rosa, ad eventi e manifestazione di sorta. Quando invece alle gradevoli rappresentanti del gentil sesso si uniscono anche i sentiti valori e la preparazione del caso, il mero concetto estetico si eleva a solida sostanza. 

Anastasia Lanciotti

E’ la fattispecie delle Miss scese come sempre in campo, pardon sul tracciato di gara, al Gran Premio di Capodarco, un evento giunto alla 47sima edizione che, da sempre, non manca di far risaltare in mezzo al serpentone di bici e sul podio attorno ai vincitori presenze femminili.

Anastasia Lanciotti, Kristel Talamonti, Valentina Greci, Larissa Salvadori, Sara Di Chiara e Rachele Cicconi tra le ragazze che il 16 agosto scorso hanno metaforicamente colorato con la loro effervescente presenza il contesto ciclistico.

La Lanciotti gioca praticamente in casa. Classe 1989, vive infatti a Capodarco, è laureanda in Servizi Sociali ed è dipendente Asur. Appassionata da sempre delle due ruote, è anche organizzatrice di eventi attorno alle stesse. Non da ultimo il “Bimbi e Bici in piazza, più felici e più sicuri, appuntamento recente, giunto alla seconda edizione, caratterizzato da percorsi per i più piccoli nel pieno segno della sicurezza, concetto rimarcato dalla folta presenza di esponenti di tutte le forze dell’ordine nella location di piazza del Popolo.

Kristel Talamonti

“La figura della Miss non è solo bellezza estetica, ma anche interiore – precisa Anastasia -, perché tramite il sorriso trasmettiamo la nostra semplicità e la genuinità che ci caratterizza come persone oltretutto allacciate a doppio filo al mondo dello sport. Esteriorità ma anche contenuti e valori, senza di essi non faremmo di certo in toto il nostro ruolo, che non è semplicemente di mera apparenza. Il cuore ci batte per le emozioni su strada, mentre le nostre menti capiscono benissimo i sacrifici che fanno quotidianamente gli atleti per raggiungere i risultati. Da capodarchese doc ho sempre seguito il Gran Premio, dapprima come semplice spettatrice poi, precisamente da quattro anni, ne rivesto il ruolo di Miss aiutando anche il principale volano Gaetano Gazzoli nell’organizzazione”.

Kristel Talamonti, studentessa classe 2001, oltre che di ciclismo è appassionata di boxe e calcio. Ha funto da hostess e speaker in diverse manifestazioni di pugilato da tre anni a questa parte. E’ finalista nazionale Miss Grand Prix delle edizioni 2016 e 2017. Per la corrente 2018 l’appuntamento, rinnovato, è a Trani il prossimo settembre. 

Valentina Greci

“Nel corso di questi cinque anni in cui ho lavorato come Miss nel ciclismo ho sempre conosciuto colleghe fantastiche – commenta la Talamonti -. Tra noi ragazze si crea sempre molta complicità, siamo affiatate. A parer mio è sempre un grande piacere stare in mezzo a persone appassionate di questo bellissimo sport. Un ringraziamento speciale va a Gaetano Gazzoli che mi ha inserito e fatto conoscere questo mondo e continua ad avere fiducia in me”.

“La mia è la prima esperienza da Miss – afferma invece la laziale Valentina Greci, leva del 1999 con un passato da atleta del segmento sportivo in esame -.  Sono una ex ciclista ed orbito nel mondo delle due ruote dall’età di 6 anni, dunque per una fetta importante della mia vita”.

Affermazioni dense di cognizione di causa: la Greci infatti, albo d’oro delle competizioni alla mano, negli annali risulta Campionessa Regionale Lazio su Strada, categorie Giovanissimi ed Esordienti. Su pista, invece, ha lasciato dietro di se la nomina di specializzata nell’inseguimento.

Larissa Salvadori

Larissa Salvadori abita addirittura in provincia di Pisa, ma è nata in Brasile il 27 luglio 1997. Nonostante la distanza con il Fermano eccola comunque come freccia all’arco dell’intera scuderia in rosa.

“Seguo il ciclismo da quando sono piccolina – racconta -. La passione per questo sport mi è stata trasmessa dalla mia famiglia e il mio compagno inseparabile per seguire le gare è mio padre! Ho iniziato a fare la Miss alle competizioni per puro caso e da lì non ho più smesso”.

“Ecco dunque la giusta occasione per rendermi partecipe delle manifestazioni che ho da sempre ammirato – ha proseguito la toscana -, entrare a far parte del gruppo Miss di Capodarco è stata la realizzazione di un sogno. Un sogno che continua. Ho trovato un ambiente composto da persone speciali, cordiali, disponibili e affettuose che lavorano tutto l’anno con vera passione per la gara. Siamo una famiglia, siamo una vera squadra!”.

Montegranaro città del solo basket? Certamente c’è una particolare vocazione per la palla a spicchi ma Sara Di Chiara, veregrense 1991, testimonia la sentita vicinanza della città della calzatura alle bici.

Sara Di Chiara

“Frequento il mondo del ciclismo da ben dieci anni – commenta l’interessata -, iniziando tutto per caso, mentre ora, a distanza di due lustri, ne sono una vera appassionata accanita. Capodarco è sicuramente un appuntamento che coinvolge davvero tutti, ed ogni anno il 16 agosto ci tiene impegnate piacevolmente ad animare la corsa nella nostra veste di Miss“.

Come per la Lanciotti, a rappresentare l’anima autoctona di Capodarco figura anche Rachele Cicconi, nata a Fermo nel 2001 ma residente nel quartiere del Gran Premio, che rilascia quanto segue.

“Ho iniziato a vestire i panni della Miss per le gare ciclistiche nel 2015 e da lì è nato il mio interesse per questo sport”, esterna la Cicconi.

Rachele Cicconi

“Incarnare tale ruolo nella mia città, anzi, per essere precisi proprio nel quartiere dove pulsa la corsa in esame, è stato per me un grande piacere e un onore, non solo perché parliamo dell’evento più importante e celebrato a Capodarco, ma anche per la simpatia e la disponibilità che manifestano gli organizzatori e le altre ragazze al mio fianco. Di questo ringrazio tutti di cuore – conclude – per l’indimenticabile e divertente esperienza nonché per l’opportunità che mi è stata data e che spero ricapiterà ogni qual volta che se ne renda il bisogno. In tal caso sarò pronta a dare nuovamente disponibilità”.

Paolo Gaudenzi

 

Articoli correlati: 

CAPODARCO Il Gran Premio delle emozioni, trionfa Einer Augusto Rubio Reyes (FOTO E VIDEO)

Gp Capodarco, tutto pronto per 47sima edizione

Conto alla rovescia per il 47simo Gran Premio Capodarco Comunità di Capodarco

Capodarco Amatori: vincono Marcozzi, D’Intimo e Pazzini

”Bimbi e Bici in Piazza”, grande successo per la seconda edizione

”Bimbi e Bici in Piazza Più Felici Più Sicuri”, in arrivo l’edizione 2018

A Lido Tre Archi arriva la boxe griffata Nike


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti