facebook twitter rss

Camera Marche: ”Saremo la voce delle
categorie più colpite dalle restrizioni”

PANDEMIA - Lo sportello regionale per il commercio, industria, artigianato ed agricoltura incontra l'esecutivo marchigiano. "Oltre 40.500 lavoratori per 9700 colpite dalla scure dell'ultimo Dpcm"
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Gino Sabatini

“Il rimbalzo del Pil italiano non ci rassicura – dichiara Gino Sabatini, presidente della Camera di Commercio Marche -, è frutto dei 4 mesi di fermo del lockdown, dell’impennata dei consumi interni del periodo estivo e dell’export delle rimanenze. Dobbiamo rimboccarci le maniche. Con la Regione andiamo avanti secondo le priorità di innovazione, applicata all’internazionalizzazione, e rigenerazione economica dei territori. Certamente non possiamo agire in modo impulsivo ma, in questa fase, occorre sviluppare con il Bilancio camerale e quello della Regione, linee condivise di sostegno al sistema imprenditoriale”.

Sono 9702 le imprese marchigiane che, a causa delle misure di contenimento della pandemia previste dal dpcm dello scorso 24 ottobre, vedono la propria attività sospesa o limitata. Il calcolo, a cura della Camera di Commercio delle Marche, risulta dall’interpretazione autentica ragionata sulla base del cd Decreto Ristori, sulla base dell’ultima rilevazione Movimprese che fotografa il tessuto economico dei territori al 30 settembre 2020.

Le realtà sospese e limitate coinvolgono 40.539 lavoratori in tutta la regione; con riguardo al livello territoriale le imprese toccate dalle restrizioni sono 2573 in provincia di Ancona (con 11.489 addetti), 1707 nel territorio di Ascoli Piceno (6316 i lavoratori), 1055 a Fermo (per 4058 addetti), 1982 a Macerata (per 9331 addetti) e 2385 in provincia di Pesaro Urbino (con 9345 addetti coinvolti).

Ristorazione, spettacolo, palestre, parchi a tema, centri benessere, sale gioco: l’elenco è lungo e in seguito dettagliato secondo i codici Ateco. “Camera Marche, dopo questo primo momento di conoscenza ufficiale tra il vice presidente Carloni ed i consiglieri camerali in rappresentanza di tutte le categorie economiche, ha programmato un incontro operativo per concordare insieme alla Regione Marche le misure che possono essere velocemente scaricate a terra, soprattutto sulle imprese colpite duramente dall’ultimo dpcm” dichiara ancora il pesidente Gino Sabatini.

La Camera di Commercio delle Marche richiede dunque collaborazione e offre il proprio patrimonio di conoscenza, informazione statistica e competenze alla nuova Giunta della Regione Marche. Lo ha fatto oggi in Consiglio camerale, seduta cui ha preso parte l’assessore regionale alle attività economiche e produttive nonché vice presidente della giunta, Mirco Carloni, che ha da par suo dichiarato:

“La Camera Marche è il partner ideale per la giunta e questo assessorato ha tra le sue priorità l’identificazione di un nuovo modello economico di riferimento, la messa a fuoco dell’identità produttiva regionale per essere poi nelle strategie, nazionali ed europee, da protagonisti. Non contoterzisti ma leader capaci di fare filiera e intercettare risorse, a partire da quelle del Recovery Fund. Questa analisi avrà luogo attorno a un tavolo cui prenderanno parte categorie economiche e sociali e un ruolo importante avranno i rappresentanti del mondo accademico. In questa assemblea camerale, in cui mi sento a casa, trovo già quella rappresentatività che ci occorre per fare sintesi” ha commentato Carloni per poi chiudere.

“Abbiamo un buco temporale tra le due pianificazioni strategiche, sei mesi che saranno i peggiori della nostra storia . Ci sono due Italie: quella garantita da stipendio fisso e quella legata alle fluttuazioni del mercato e dalle variabili che lo toccano. Il divario tra i due Paesi potrebbe portare, già lo sta facendo, a una crisi sociale prima che economica. Le poche risorse saranno concordate con le categorie che possiamo incontrare, innanzitutto in Camera di Commercio, che è poi il vero tavolo di compensazione sociale, la piattaforma in cui incontrarci e intercettare la ripresa. Il Recovery Fund richiede di essere gestito con le idee chiare e in base alle indicazioni che arriveranno dalle categorie e avendo tre priorità, che poi sono in linea con quelle indicate da Camera di Commercio col Presidente Sabatini: Export Digitale, Digitalizzazione Imprese, Assunzione dei Giovani per fermarne l’emigrazione” ha spiegato l’assessore.

Le categorie rappresentante in Consiglio camerale, dal commercio all’agricoltura all’industria, chiedono attenzione alle realtà che non riescono a recuperare mercato. Un nodo cruciale è quello del credito e da cui potranno arrivare delle risposte. I 12 milioni investiti da Camera e Regione negli scorsi mesi hanno generato 91 milioni di liquidità per le imprese marchigiane. “Un ulteriore investimento, attingendo alle risorse previste dalla 13 sul Confidi potrebbero essere destinate proprio alle attività colpite dalla seconda onda pandemica e dalle relative restrizioni assicurando nuova importante liquidità” ha osservato infine Andrea Santori, membro di Giunta camerale con delega al credito. Carloni assicura di valutare in Giunta anche questa istanza.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti