facebook twitter rss

Avvio amaro Sutor,
Fabriano espugna la Bombonera
e fa suo il derby

SERIE B - Prima di campionato in archivio sul 65-76 con i calzaturieri protagonisti di frizzanti spunti fino alla coda del secondo quarto, quando la Ristopro piazza l'ipoteca sulla contesa prendendo il largo. La compagine di coach Ciarpella ha comunque messo in mostra buone cose, elementi da perfezionare in fretta in vista della trasferta di Giulianova
Print Friendly, PDF & Email

La palla a due di giornata

 

di Paolo Gaudenzi

MONTEGRANARO – Inizio di torneo amaro per la Sutor, in perfetta sintonia con la massima “ne di Venere ne di Marte…” a cedere il passo domestico ad una sostanziosa Ristopro, che in barba ai detti popolari incassa invece senza patire oltre il lecito il tonico avvio dei calzaturieri per piazzare l’ipoteca sulla gara già alla fine del secondo periodo.

Il resto del match è pressoché gestione della contesa biancoblù, con i locali, privi di Stanzani per infortunio, a provarle tutte senza però riuscire a riacciuffare per i capelli un confronto a prendere lesto la via di Fabriano. Non resta dunque che resettare il mesto pomeriggio della Bombonera, per mettere subito nel mirino Giulianova: la tappa di torneo in agenda per il week end.

IL TABELLINO

SUTOR MONTEGRANARO 65: Minoli 5, Riva 12, Torresi n.e., Angellotti, Ciarpella 4, Galllizzi 8, Tibs 6, Cipriani 2, Romanò 15, Bonfiglio 13, Edraoui n.e. All. Marco Ciarpella

RISTOPRO FABRIANO 76: Cola, Papa 2, Pacini, Di Paolo, Merletto 8, Di Giuliomaria, Garri 13, Scanzi 20, Gulini 2, Marulli 12, Radojic 19, Caloia. All. Lorenzo Pansa

ARBITRI: Federico Berger di Roma e Silvio Faro di Tivoli

PARZIALI: 21-18, 16-31, 10-11, 18-15

LA CRONACA

Canestro iniziale cartaio rispedito subito al mittente con due bombe calzaturiere per un vantaggio enfatizzato ad 8 dalla portentosa esuberanza nel pitturato di Riva, a lievitare canestro più fallo. Il 9-2 a 7’10” trova credito con la penetrazione di Bonfiglio. Scanzi tiene però in corsa i suoi con la tripla dell’11-5, ma Bonfiglio replica spedito con la stessa moneta e la Sutor vola sul 14-5. Uno spumeggiante avvio di contesa, dunque, che chiama subito la panchina cartaia a rimescolare le carte con l’ingresso di Marulli. La difesa calzaturiera non frena però la verve di Scanzi, ma Tibs tiene a bada gli ospiti, prima di cedere alla fisicità di Garri, ben accompagnata dalla schiacciata di Radojic. A 2′ dalla prima sirena la Ristopro completa la tonica rimonta: è meno uno (16-15). Romanò spedisce però a canestro la bomba del +4, subito annullata sul fronte opposto. Si va al primo riposo con il due su due di Bonfiglio dalla lunetta.

Si riparte dunque sul 21-18 e con la Sutor pimpante in avanti. Minoli sgancia il punto numero 26, poi Gallizzi confeziona il 32-25 a testimonianza dell’ottimo riavvio sutorino dei giochi casalinghi. Garri suona la carica, ma commette passi, ci pensa allora Marulli ad accorciare le misure. La Sutor spreca un possesso, Gallizzi appoggia a tabella un confortante 34-27 a 5’33” dalla seconda sirena. Il solito Marulli ricolloca Fabriano in carreggiata, Romanò non è d’accordo ed infila la tripla del +4, diventato un repentino meno uno grazie nuovamente a Marulli, prima del sorpasso firmato Garri. 37-38. La Sutor spegne di colpo la luce. Dentro Ciarpella ma Garri è implacabile per l’allungo ospite. Fabriano prende così le redini del match, ed arriva il 37-44 con Radonijc a piazzare anche l’aggiuntivo dalla carità. Fabriano completa l’opera, con la bomba di Scanzi, al termine di un parziale quotato un pesante 23-3. Materiale su cui riflettere al momento del rientro negli spogliatoi.

Terzo periodo che riparte dal 37-50 della sirena, e con Romanò per Riva quale prima mossa di coach Marco Ciarpella. Bonfiglio recupera palla ed invita Tibs all’appoggio. La Sutor tiene in difesa, in attacco è chiamata a fare la formichina per risalire la china. Elemento ben chiaro a Tibs che confeziona un buon -9, con tanto di rimessa in attacco calzaturiera. Bonfiglio manca la bomba defilata, stessa sorte per il tentativo di Garri, ed è quindi Francesco Ciarpella a prendersi un canestro di prepotenza. Sul parquet torna Gallizzi, quando a 5’42” dalla fine parziale vige ancora il 43-53 fabrianese. Tibs cede il posto a Riva, gravato del quarto fallo. Minoli infila due punti, ma il solito Garri (al passaggio corrente a quota 13 personali) lascia le distanze inalterate. 2’42”, 45-56 biancoblù, Cipriani libera la bomba che non va a segno, ci pensa però Gallizzi a rimpolpare lo score domestico, ma Fabriano resta in scia, per il 47-61 che manda le squadre alla disputa del quarto decisivo.

Ultima frazione a secco di realizzazioni per quasi tre minuti di gioco, nonostante il buon ritmo della Sutor, chiamata doverosamente ad azzannare il periodo di buona lena. E’ però Scanzi ad allungare il patrimonio fabrianese, quindi coach Ciarpella richiama i suoi in panca. 49-63 a 7’31” da giocare, Scanzi amplia il divario sotto canestro. Piove sul bagnato con il quinto fallo di Tibs, poi un generoso Bonfiglio le prova tutte, chiamando le giocate in regia, ma Fabriano attende per ripartire e Marulli, ancora lui, infila il punto numero 67. La sfida è pressoché nelle tasche altrui, quindi Ciarpella regala minuti di crescita alla panchina, mentre Romanò addolcisce la pillola dalla lunetta. 53-72 a 2’30” dai saluti. Riva appoggia a campo aperto, estetica replicata in bello stile dal Romanò. Poi è di nuovo Riva a fare il proprio dovere dalla lunetta e Gallizzi lo compie dalla lunga, ma è troppo tardi, finisce 65-76.

 

LE DICHIARAZIONI

A cura dell’Ufficio stampa gialloblù

Coach Marco Ciarpella, che sensazioni ha maturato dopo la sconfitta?

“Da adesso in poi ogni partita vale due punti e questa sconfitta significa che abbiamo perso i primi due contro una grande squadra, che punterà ai piani alti della classifica. La battuta d’arresto ha messo in luce le nostre mancanze, quelle di essere più duri e fisici in determinate situazioni vicino a canestro e di avere la pazienza quando non si segna con continuità. Abbiamo forzato troppo negli uno contro uno, effettuando anche dei tiri che non ci possiamo permettere. Questo era un problema già emerso nel precampionato. Siamo tornati in campo in una partita ufficiale dopo un mese, ricarichiamo le pile perché domenica avremo una sfida molto importante”.

E’ tempo quindi già di pensare alla sfida di domenica con il Giulia Basket, che gara si aspetta?

“La squadra di Zanchi ha giocato per circa 32’ ad Ancona tanta aggressività mettendo le mani addosso agli avversari, proponendo dei quintetti molto grossi con Di Carmine ala e con Cacace a ricoprire altri ruoli. Sarà una partita difficile, noi però vogliamo sbloccarci e cercare di giocare una grande gara”.

Stanzani potrebbe essere in campo domenica?

“Silvio per noi è un giocatore importante, sta lavorando con lo staff medico dopo l’infortunio al ginocchio che si è procurato. Però, penso che sia molto difficile poterlo impiegare nella sfida contro il Giulia Basket”.

 

Fotogallery

Alcuni scatti dal match della Bombonera ed il messaggio dei tifosi sutorini, forzatamente assenti a causa delle disposizioni anti Covid, ma a ricordare con uno striscione il saldo gemellaggio con la curva fabrianese


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti