facebook twitter rss

Pareggio di qualità tra
Cobà e Manfredonia

SERIE A2 - Nella giornata di ieri al PalaSavelli l'1-1 tra Sharks ed il quotato quintetto del girone. I sangiorgesi restano comunque padroni del propio destino: vincendo le restanti cinque sfide di calendario verrebbe riscritta verso l'alto la storia del club rivierasco
Print Friendly, PDF & Email

Capitan Bagalini in azione ieri contro il Manfredonia

PORTO SAN GIORGIO – Un pareggio che può avere un grande valore quello maturato ieri tra gli Sharks e il Risparmio Casa Manfredonia.

Gara difficile, tirata, di alti contenuti anche se non spettacolare. La differenza nel doppio scontro diretto (vittoria per 4 a 1 in trasferta e pareggio 1 a 1 ieri al PalaSavelli) è tutta nel secondo tempo di Manfredonia, tra i migliori giocati dal Futsal Cobà in stagione. Il primo tempo in Puglia e l’intera gara in esame invece sono stati entrambi all’insegna dell’equilibrio.

Con un po’ di spettacolo in meno ieri, ma sempre mettendo in luce futsal di qualità. La gara quindi partiva fin da subito su tale falsariga, e va detto che gli uomini di Antonio Ricci si confermavano un blocco granitico che lasciava all’avversario, al massimo, il fraseggio. Briciole quando si arrivava al dunque. La squadra di Monsignori, peraltro, prendeva bene le misure ai padroni di casa mantenendo un buon ritmo. In queste condizioni, è chiaro che il tutto si poteva decidere giocando sull’errore o sull’episodio, ed infatti, a metà tempo, un disimpegno errato degli ospiti veniva intuito da Manfroi, che faceva suo il pallone trafiggendo l’estremo sipontino.

La reazione del Manfredonia transitava su due buone opportunità passanti entrambe sui piedi di Raguso: nel primo caso, un grande Fiuza diceva di no e nel secondo il pallone terminava di poco fuori. Tuttavia gli uomini di Ricci non correvano rischi ulteriori, chiudendo il primo tempo sull’1-0.

Nella ripresa, si vedeva l’oggettiva stanchezza per i numerosissimi impegni delle gare di recupero; di contro c’era anche un avversario crescente, ed in una situazione difensiva un pallone radente diretto in mezzo all’area e parallelo alla porta andava ad incocciare la gamba di Del Pizzo, cambiando traiettoria e prendendo quella valsa il definitivo 1-1. La gara non aveva più sussulti, chiudendosi in un pareggio giusto. Il tutto lascia così nelle mani sangiorgesi le sorti del campionato: vincendo le 5 sfide partite rimanenti il Futsal Cobà scriverebbe la storia del club.

“Gara complicatissima, perché giocata contro la squadra migliore del nostro girone ed in testa con merito – il commento a fine gara di Ricci -. Noi abbiamo dato tutto, sotto l’aspetto fisico e mentale, sono contento di come la squadra si sta comportando. Questo pareggio ci permette ancora di essere padroni del nostro destino, consapevoli che avremo ancora 5 battaglie da affrontare e vogliamo dare tutto per vincerle”. Il sogno Cobà, dunque, continua.

 

Articoli correlati: 

Il Cobà è una certezza, splende il sole sul resto della stagione

Il Cobà non si ferma più: superato anche il Giovinazzo

Impresa Cobà, violato il campo di Manfredonia

Cobà da 10 e lode, demolito il Cus Molise

Cobà, la rotta è giusta: liquidato anche il Giovinazzo

Cobà da 7 bellezze, successo nel recupero contro Pistoia

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti