facebook twitter rss

Campagna vaccinale, Cesetti (Pd): “Coinvolgere studenti di Scienze infermieristiche e nuove assunzioni”

VACCINI - Il gruppo assembleare del Partito Democratico, primo firmatario il consigliere Fabrizio Cesetti, ha depositato una mozione in consiglio regionale per chiedere il coinvolgimento degli studenti del corso di laurea in Scienze infermieristiche, al fine di supportare gli operatori sanitari e il personale medico impegnato nella somministrazione. Si chiedono anche nuove assunzioni
Print Friendly, PDF & Email

Fabrizio Cesetti

“Di fronte alla necessità di accelerare la campagna vaccinale in corso, il gruppo assembleare del Partito Democratico, primo firmatario il consigliere Fabrizio Cesetti, ha depositato una mozione in consiglio regionale per chiedere il coinvolgimento degli studenti del corso di laurea in Scienze infermieristiche, al fine di supportare gli operatori sanitari e il personale medico impegnato nella somministrazione”. E’ quanto fa sapere, con una nota stampa, proprio il consigliere regionale dem, Fabrizio Cesetti.

“Gli studenti del primo anno del corso – afferma Cesetti – stanno ottenendo la certificazione necessaria all’esecuzione delle somministrazioni intramuscolari. Il loro impiego nella campagna vaccinale potrebbe sensibilmente velocizzare i tempi tecnici previsti, portando allo stesso tempo a una riduzione dell’impiego di personale sanitario e aumentando il numero di dosi somministrabili. Tenuto conto che, approssimativamente, possiamo considerare che ogni polo provinciale del corso di laurea in Infermieristica può contare 65 iscritti per ognuno dei 3 anni di corso, a eccezione di Ancona che ne vanta 130 iscritti per anno, potremmo contare su un totale di circa 1170 studenti per l’intero territorio regionale”.

La mozione, inoltre, impegna la giunta regionale a “proporre in tempi brevi – si legge nella nota – l’apertura di un bando straordinario per l’assunzione di un consistente numero di neolaureati e specializzandi iscritti regolarmente all’ultimo e penultimo anno di corso della Scuola di specializzazione, non ancora impiegati e dunque disponibili, e a disporre un’ulteriore assunzione di personale, con premialità e cercando di valorizzare ulteriormente la componente giovanile a supporto delle Usca, secondo quanto già disposto dal decreto legge 34 del 2020”.

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti