facebook twitter rss

“Sempre connessi: giovani a rischio”,
con il Sim il manuale d’uso
per i genitori

GROTTAZZOLINA - Incontro il 3 ottobre nella sala parrocchiale 'Monsignor Luigi Lorenzetti' di Grottazzolina con il maresciallo maggiore Paolo De Angelis, segretario straordinario Sim Carabinieri della regione Marche e la dottoressa Cristina Marinelli, psicologa, psicoterapeuta e giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Ancona
Print Friendly, PDF & Email

Generazione 3.0. Un termine che ricorre molto spesso negli ultimi anni. Ci si è mai soffermati, però,
a capire fino in fondo di cosa stiamo parlando? Proprio per approfondire questa tematica e l’inconsapevolezza dei pericoli del web da parte dei più giovani, è nata l’idea dell’incontro con il maresciallo maggiore Paolo De Angelis, segretario straordinario Sim Carabinieri della regione Marche e la dottoressa Cristina Marinelli, psicologa, psicoterapeuta e giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Ancona, che si terrà giovedì 3 ottobre 2019 nella sala parrocchiale ‘Monsignor Luigi Lorenzetti’ di Grottazzolina.

“I due relatori, altamente specializzati e qualificati – fanno sapere dal Sim sindacato italiano militari carabinieri – spiegheranno quali conseguenze possono esserci a seguito di un utilizzo incontrollato del web e quali gli strumenti per monitorare che, quanto di buono può offrire la rete, non diventi un pericolo per l’incolumità dei più piccoli.

Le nuove generazioni vivono costantemente connesse ai social media ed hanno a disposizione strumenti tecnologici che possono essere potenzialmente dannosi, se utilizzati in maniera superficiale ed incautamente. Troppo spesso, infatti, la tecnologia è vista come uno strumento per far star buoni i bambini, tranquillizzarli nei momenti di capriccio o nervosismo, come se questa fosse la soluzione migliore per loro. Ma chi realmente ne trae i benefici? I genitori che, in questo modo, hanno l’illusione di essere a posto con la coscienza? Oppure i bambini, che si trovano in mano uno strumento potenzialmente pericoloso e non lo sanno? Un incontro interessante e di importante attualità, aperto a tutti, che aiuterà i genitori ed i giovani ad un uso più controllato e consapevole delle tecnologie moderne”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti