facebook twitter rss

Positivi dopo la prima dose, ecco cosa si deve fare

COVID - Il Servizio Salute Pubblica dell'Asur ha comunicato i comportamenti da seguire
Print Friendly, PDF & Email

Un chiarimento sulla vaccinazione per chi ha ricevuto la prima dose e successivamente ha contratto il Covid, arriva dall’Asur. Sulla questione, il Servizio Salute Pubblica dell’Asur spiega che per le persone che hanno «contratto un’infezione da Sars-CoV2 successivamente alla somministrazione della prima dose di un vaccino con schedula vaccinale a due dosi – spiega l’Asur -: in caso di infezione confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) entro il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, è indicato il completamento della schedula vaccinale con una seconda dose da effettuare entro sei mesi (180 giorni) dalla documentata infezione (data del primo test molecolare positivo); trascorso questo arco di tempo, la schedula vaccinale potrà essere comunque completata, il prima possibile, con la sola seconda dose».

In caso di infezione confermata oltre il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, la schedula vaccinale è da intendersi completata in quanto l’infezione stessa è da considerarsi equivalente alla somministrazione della seconda dose. Resta inteso che l’eventuale somministrazione di una seconda dose non è comunque controindicata; ciò vale anche per i soggetti guariti, in precedenza non vaccinati, che hanno ricevuto una sola dose di vaccino dopo l’infezione da Covid. Si ribadisce, come da precedenti comunicazioni, che l’esecuzione di test sierologici, volti a individuare la risposta anticorpale nei confronti del virus, non è indicata ai fini del processo decisionale vaccinale».

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti