facebook twitter rss

Poderosa, Guye lancia la
capolista alla volta di Isernia

SERIE B - Dopo la recente vittoria in terra umbra, ottenuta senza il solito smalto, la XL Extralight pensa al prossimo impegno in casa de Il Globo
Print Friendly, PDF & Email

Ousmane Gueye, elemento esperto del quintetto veregrense

MONTEGRANARO – Torna a sudare la XL Extralight, che ha ripreso la preparazione in vista della trasferta di domenica (ore 18.00) a Isernia contro Il Globo. A fare il punto della situazione in casa Poderosa è Ousmane Gueye.

Ousmane, a Perugia una primo tempo decisamente sottotono poi nella ripresa si è vista la vera Poderosa. Analisi giusta?

“Sì, sicuramente siamo stati meno brillanti del solito nel primo tempo ma penso che ogni tanto possa capitare di fare fatica ad ingranare, specie in trasferta contro una squadra che gioca alla morte e un arbitraggio del quale non si capiva bene il metro. Due quarti del genere comunque credo comunque ci siano serviti anche in ottica futura, anche perché era la prima volta dopo Bisceglie che ci trovavamo davvero in difficoltà per vincere una partita in trasferta. Ben venga come esperienza, ma nei secondi due quarti abbiamo dimostrato chi siamo e cosa vogliamo essere”.

Rispetto all’inizio di stagione stiamo vedendo un Gueye meno realizzatore ma sempre fondamentale negli altri aspetti del gioco. È cambiato il tuo modo di giocare?

“No, non è cambiato. È che a 34 anni penso di aver raggiunto una maturità tale da farmi capire che siamo tutti ugualmente importanti all’interno di una squadra e quindi non posso prendere sempre la palla e tirare. Sono paziente, abbiamo un obiettivo e a me interessa quello, non fare tanti punti. Se e quando ci sarà bisogno mi farò trovare pronto. Fin quando non scendo di intensità in difesa, perché il mio modo di giocare parte sempre da lì, poi posso fare 5, 10 o 20 punti, non fa differenza se poi vinciamo la partita”.

Domenica trasferta ad Isernia sulla carta abbordabile, ma che partita ti aspetti?

“Quando arriva la prima in classifica tutte le squadre giocano alla morte. Ma noi dobbiamo passare sopra a tutti, senza dar loro alcuna speranza. Ovvio che non sia facile, ma penso che siamo nettamente più forti e dobbiamo dimostrarlo coi fatti”.

La Poderosa è la squadra con meno sconfitte dell’intera Serie B con un solo ko. Come valuti la questo dato anche in prospettiva Coppa Italia?

“Non è niente di clamoroso perché conosco bene gli altri gironi e le altre squadre e quindi so che, nell’ottica dei quattro gironi, questo risultato è bugiardo. Negli altri gironi ci sono squadre come Orzinuovi e Bergamo, che affronteremo nei quarti di finale di Coppa Italia, ma anche altre che hanno giocatori che questi campionati li masticano da anni. Guardando alla Coppa Italia, mi aspetto che saranno partite diverse da quelle affrontate finora: dovremo prepararci a dare qualcosa in più sia in termini di qualità che aggressività”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti