facebook twitter rss

Chiusura Verde Mare, Confcommercio: “A rischio turismo e commercio”

MARINA PALMENSE - Confcommercio Marche Centrali lancia l’allarme per le conseguenze della mancata apertura: "Non possiamo permettere un colpo così duro al settore"
venerdì 17 marzo 2017 - Ore 17:35
Print Friendly, PDF & Email

Confcommercio Imprese per l’Italia Marche Centrali lancia l’allarme per le possibili conseguenze legate al mancato dissequestro del Camping Verde Mare di Fermo, al centro di una procedura giudiziaria. “Si tratta – spiegano i rappresentanti di Confcommercio Marche Centrali –  di una struttura capace di numeri importantissimi con le sue 170 mila presenze cui si somma il valore di un notevole indotto rappresentato dalle numerosissime attività presenti all’interno a partire dai bar, ristoranti e i vari negozi. Sono coinvolti in questa situazione di impasse anche i fornitori diretti e i  quaranta lavoratori  del campeggio di cui una decina in pianta stabile assunti tutto l’anno. L’accusa mossa al Verde Mare, lottizzazione abusiva, è un vero e proprio boomerang che rischia di colpire in prima battuta la struttura del fermano e successivamente, sulla scorta di un possibile effetto domino, tutte le altre attività ricettive della costa. A rischio dunque c’è un settore intero, un settore che è centrale nell’equilibrio economico del territorio. Se si considera la crisi del distretto calzaturiero del fermano e la difficile congiuntura economica del territorio, sono ancora più evidenti le problematiche legate all’impasse del Verde Mare”.

L’assocuazione di categoria aggiunge: “Auspichiamo dunque una soluzione che permetta una riapertura e che non costituisca un ostacolo allo sviluppo del Turismo un settore oramai vitale per la tenuta sociale-economica anche alla luce delle problematiche connesse al terremoto. Confcommercio Marche Centrali chiede che si possa trovare presto una soluzione che preservi la stagione entrante in attesa della definizione della causa giudiziaria: si salverebbe la stagione turistica del Verde Mare e tutto l’indotto turistico fermano che, oltre al terremoto con il calo delle prenotazioni alberghiere negli hotel, non potrebbe sopportare questo ulteriore danno“.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X