facebook twitter rss

I primi 120 anni del Gran Caffè Belli di Amandola, dai gelati al maxi cornettone (VIDEO)

STORIE – Tra gli esempi più longevi delle Marche, continua ad attirare turisti, soprattutto stranieri, che si riaffacciano dopo il sisma
venerdì 19 maggio 2017 - Ore 09:39
Print Friendly, PDF & Email

di Andrea Braconi

foto e video a cura di Federico De Marco

Quotidianamente ci interroghiamo su come raccontare i tanti tentativi di ripartenza dell’entroterra fermano dopo il terremoto. Perché di esempi positivi, di imprenditori che resistono ne incontriamo di continuo. E passiamo dal desiderio di mettersi in gioco dei più giovani alle realtà più consolidate, quelle che hanno fatto la storia di questa parte di Marche.

Come il Gran Caffè Belli di Amandola, punto di riferimento da generazioni, dal 2001 gestito da Genesio e Gabriele. Un locale, però, che trova le sue origini addirittura al 1897.

“La prima licenza storica che siamo riusciti a recuperare è di quel periodo – ci spiega Genesio – e oggi festeggiamo i 120 anni. Il locale prende il nome dal suo primo fondatore, è rimasto sempre uguale ma negli anni si sono susseguite diverse gestioni”.

Sono tante le particolarità che hanno attirato e continuano ad attirare cittadini del Fermano e turisti.

“È del 1939 la prima produzione artigianale, un punto di forza di questo locale. Negli anni è nata anche la pasticceria e dal 2001 abbiamo creato il famoso maxi cornettone, farcito con nutella, creme e creme chantilly. C’è anche una versione salata e per noi è un motivo d’orgoglio che ci sta dando grandi soddisfazioni, altri locali ci stanno seguendo su questo prodotto che fa riconoscere anche Amandola”.

A livello di pasticceria, ci spiega Genesio, i sogni nel cassetto sono tanti, anche se lui, occupandosi prevalentemente di gelateria, è sempre impegnato a creare qualcosa di particolare. “Ci sto lavorando e sono sicuro che riuscirò a creare un prodotto che diventi un punto fermo di questo locale”.

Lo fa per i suoi clienti, tra i quali ci sono anche i tanti stranieri che hanno scelto di insediarsi a ridosso dei Sibillini, così come altri che attraversano queste terre per assaporarne le bellezze anche solo per un breve periodo.

“Tanti turisti stranieri stanno ritornando, sono amanti dei nostri prodotti e intendo della cucina marchigiana in generale. Apprezzano molto, si trovano benissimo e hanno un bellissimo territorio da esplorare ed apprezzare”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X