facebook twitter rss

Note d’oriente al concorso Postacchini,
i racconti dei violinisti asiatici in gara

FERMO - Quasi il 50% delle categorie C e D proviene da Cina, Giappone e Corea. Trend in crescita anno dopo anno
lunedì 22 maggio 2017 - Ore 16:13
Print Friendly, PDF & Email

Yukiko Uno

La settimana del Concorso Violinistico Internazionale Postacchini di Fermo inizia con le note dei violini d’oriente, numerosissimi nelle prime due categorie chiamate sinora a sfilare sul palco del Teatro dell’Aquila. Sono quasi il 50 per cento infatti, i violinisti asiatici delle categorie D e C in gara per la 24esima edizione del concorso, un numero consistente e che ogni anno evidenzia quanto i Paesi asiatici siano interessati alla prestigiosa competizione. Rispetto alla precedente edizione, il numero per le categorie in questione è quasi raddoppiato.
Sintomatico è infatti che su 10 semifinalisti della categoria D, a contendersi la finale ce ne siano ben 6 provenienti da Cina e Giappone.
“Il concorso ha una fama che lo precede – spiega Mayu Tomotaki, 21 anni giapponese – è molto conosciuto tra i musicisti di tutto il mondo e in Giappone è noto tra i violinisti di fascia alta. È la prima volta per me qui al Postacchini, l’atmosfera è fantastica – continua entusiasta – la città è bellissima e spero di poter imparare l’italiano” conclude sorridendo.
Dello stesso avviso anche il cinese Cheknam Tse “Torno a Fermo dopo 7 anni – spiega – ho studiato di più, mi sono preparato meglio, questa volta voglio classificarmi in finale – continua determinato – l’affluenza degli asiatici è massiccia, è vero, ma è alta in ogni concorso di livello perché la disciplina e lo studio dello strumento per noi è estremamente importante e quindi sempre più spesso proviamo a concorrere in competizioni internazionali prestigiose».

 

Mayu Tomotaki

Capace di passare dai grandi sorrisi alla serietà più estrema, Yukiko Uno, vincitrice della categoria C nella passata edizione, e oggi semifinalista per la categoria D. “In Giappone il Premio Postacchini è conosciuto come uno dei concorsi internazionali da fare per un violinista che si rispetti. Questo mette sempre un po’ di tensione – spiega – anche se rispetto allo scorso anno sono un po’ più rilassata – commenta sorridente – Un portafortuna? Il mio braccialetto dai superpoteri – scherza mostrandolo – No, in realtà non ho portafortuna, solo lo studio, la passione e la concentrazione”. E torna a provare riempiendo di note una delle sale prova allestite a Palazzo Guadagnoli Malvatani.  Intanto grande attesa per i risultati della categoria C e per le eliminatorie della semifinale della D mentre si avvicina il momento in cui i giovani violinisti di tutto il mondo lasciano il teatro per incontrare i giovani delle scuole, incontro atteso per domani con i ragazzi della Scuola Media Nardi di Porto San Giorgio.

Un giovane concorrente della categoria C subito dopo l’esibizione


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page
Caricamento..


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


Caricamento..
X