fbpx
facebook twitter rss

Bagordi clandestini ‘ad alto rischio’
Accendono lumini nello chalet di legno,
Beato su tutte le furie:
“Basta con la movida selvaggia”

PORTO SAN GIORGIO - La denuncia, l'ennesima, del titolare dello chalet ristorante pizzeria Baia Principe. Questa mattina nel suo pubblico esercizio le tracce di una vera e propria festa organizzata da qualche balordo nel corso della nottata appena trascorsa. Tra lumini e petali di rosa
giovedì 12 Settembre 2019 - Ore 12:01
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Fedeli

“Hanno organizzato molto probabilmente una vera e propria festa all’interno del mio chalet ristorante, il Baia Principe. Con tanto di lumini e petali di rosa. Ecco cosa succede sul finire dell’estate, ci risiamo, di nuovo in balia dei vandali e degli scriteriati”. E’ lo sfogo di Ulderico Beato, operatore balneare a capo dello chalet Baia Principe.

Questa volta nessuna devastazione o atto vandalico. Ma quella festa ‘clandestina’ poteva avere delle conseguenze molto gravi. A trovare i resti e le tracce dei bagordi è stato lo stesso Beato, questa mattina, alla riapertura del suo pubblico esercizio. “Vi sembra normale che accendano dei lumini, quindi delle fiamme, in una concessione balneare costruita quasi interamente in legno? Io dico di no. Io sono dell’idea che è meglio recintare i nostri chalet perché, con la fine dell’estate, la movida notturna, dalla sabbia si sposta all’interno delle concessioni balneari. Purtroppo siamo costantemente sotto attacco di questi ragazzini scriteriati. E i controlli non sono mai troppi. Cosa dobbiamo fare? Dobbiamo dormire anche in autunno e in inverno nei nostri chalet? Questa volta è andata bene, la prossima come andrà a finire? Se una concessione va a fuoco sapete chi ci rimette? Noi operatori. Non appena uno chiude, ecco cosa succede”.

Ulderico Beato

Non è la prima volta che Ulderico Beato si trova costretto ad alzare la voce per l’assalto subìto dal sul pubblico esercizio, atti vandalici alle attrezzature balneari, furti (leggi l’articolo), parapiglia in spiaggia. E anche, addirittura, minacce subìte (leggi l’articolo) e vandali a ricreare dei veri e propri angoli di sballo all’interno del Baia Principe (leggi l’articolo). Dunque assalti che non conoscono stagioni, in estate sulla spiaggia, con l’arrivo dell’autunno ci si sposta al ‘coperto’. Ma Beato, nelle sue richieste alle autorità, non ha alcuna intenzione di mollare la presa.

Danni allo chalet e minacce al concessionario di spiaggia, Beato: ‘Come arginiamo quei minorenni?’

Furto al Baia Principe, Beato: “Rubate addirittura le recinzioni, siamo alla frutta”

Banditi ‘goderecci’ al Baia Principe si creano anche un angolo relax, Beato: «Basta, vendiamo tutto» (FOTO e VIDEO)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X