facebook twitter rss

Tari, contributo alle famiglie
con figli all’università
fuori città: 300 domande

FERMO - Il sindaco Calcinaro: "Il numero di domande proposte significa che è una misura che veramente va al cuore delle famiglie fermane una misura giusta che consente di non avere anche la beffa di un doppio pagamento e rappresenta un piccolo sostegno da parte del Comune per chi in famiglia investe sul futuro studentesco del proprio figlio”
Print Friendly, PDF & Email

“Cinquanta domande in più rispetto allo scorso anno quelle presentate per chiedere un contributo da parte delle famiglie fermane che hanno figli iscritti a corsi universitari fuori dal Comune di Fermo, per il pagamento della Tari 2020. Una misura adottata da qualche anno e che vede in questa annualità circa 300 istanze presentate per poter aver diritto ed essere ammessi al beneficio”. E’ quanto fanno sapere dal Comune di Fermo.

“Il numero di domande proposte significa che è una misura che veramente va al cuore delle famiglie fermane – ha detto il sindaco Paolo Calcinaro – una misura giusta che consente di non avere anche la beffa di un doppio pagamento e rappresenta un piccolo sostegno da parte del Comune per chi in famiglia investe sul futuro studentesco del proprio figlio”.

“L’amministrazione comunale fin dall’inizio del suo mandato ha creduto in misure oculate a vantaggio dei cittadini – ha detto l’assessore al bilancio Savino Febi – fra queste il contributo Tari per studenti universitari fuori sede, che si è rivelata altamente gradita dalle famiglie che, con favore, l’hanno accolta perché di reale sostegno ad una politica orientata proprio alla formazione e alla crescita culturale dei giovani. Siamo soddisfatti come amministrazione in quanto riteniamo di aver colto le esigenze di una società civile in continuo e rapido cambiamento”.

Potevano partecipare al bando i soggetti passivi della Tari con uno o più figli iscritti ad un corso universitario di laurea (ad esclusione di scuole di specializzazione, master post laurea ecc.) che per esigenze di studio vivono nella sede universitaria fuori dal Comune di Fermo.

“Quello del contributo Tari a famiglie con figli iscritti a corsi universitari fuori città, che fa il paio con altre misure adottate da questa amministrazione comunale come quella sempre per il pagamento della Tari per famiglie in difficoltà – concludono dall’ente – è valso la ribalta dei media nazionali a Fermo, in quanto di questa misura virtuosa si sono interessate sia il Tg2 che Radio Rai intervistando più volte in diretta il sindaco Paolo Calcinaro”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X