facebook twitter rss

Berretti Fermana, a
Potenza l’amara sconfitta

CALCIO - Primo tempo da dimenticare, ripresa nel vivo segno canarino ed un finale che, per la ex capolista, poteva anche riservare una clamorosa rimonta. Finisce 3-2 per i padroni di casa
Print Friendly, PDF & Email

POTENZA – Non riesce una rimonta che averebbe avuto del miracoloso alla Berretti di mister Mercanti che perde in casa del Potenza dopo un primo tempo in cui ha concesso qualcosa di troppo dietro, con una ripresa invece all’arrembaggio con il pareggio solo sfiorato.

IL TABELLINO

POTENZA 3: Ruasa, Soldo, Grande, Latorre, Summa, Murano, Catalano (93’ Mascia), Palladino, Sabia (65’ Caivano), Carnevali (80’ Guglielmi), Parisi. A disp. Villano, Corliano, Viglione, Ferramosca. All. Cirone

FERMANA 2: Pettinari, Cifani, Bartoli, Coltorti (53’ Liberati), Diouane, Alla, Giorgio, Zokou, Alagna, Sardo, Monaco (53’ Cereku). A disp. Fatone, Pezzoni, Rossi, Germani, Piersanti. All. Mercanti

ARBITRO: Ngulfo fi Moliteno

RETI: 18’ Carnevali, 46’ Grande, 52’ Sabia, 66’ Giorgio, 78’ Alagna

NOTE: ammoniti Alagna, Sardo, Diouane (Fermana), Guglielmi e Summa (Potenza), angoli 2-3, recupero 2’+4′

LA CRONACA

Si chiude 3-2 con tanto rammarico per l’ex capolista gialloblù che non era neanche partita male nel primo tempo dove si è fatta vedere in avanti con le conclusioni di poco fuori bersaglio di Giorgio e Alagna.

Il vantaggio locale al 18’ arriva da uno errato disimpegno della difesa canarina che innesca l’azione offensiva lucana, il tiro di Carnevali è anche fortunato nel trovare la deviazione vincente e assolutamente involontaria di un difensore gialloblù. Primo tempo sfortunato che si chiude con il raddoppio locale: punizione, quasi un angolo corto dalla sinistra, traiettoria non controllata nel modo giusto da Pettinari con la sfera che si perde in fondo al sacco.

Nella ripresa Potenza che viaggia sul velluto inizialmente e trova la terza marcatura con un bel colpo di testa di Sabia su cross ancora di Grande. Mister Mercanti ci prova con un doppio cambio che sembra dare la scossa, concretizzata dalla stoccata dalla distanza di Omar Giorgio che riaccende le speranze canarine. Ci pensa poi Alagna a realizzare la seconda rete con un perfetto tap-in dalla corta distanza e nel finale non mancano le occasioni per agguantare il pareggio ma la difesa lucana si salva in qualche modo.

Peccato per la sconfitta e per le tante assenze di giornata ma questo gruppo è pronto a ripartire fin dalla prossima sfida casalinga di sabato prossimo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X