facebook twitter rss

Fermana-Sudtirol, al ”Bruno
Recchioni” attacchi agli antipodi

SERIE C - Domani, domenica 9 febbraio, incroceranno le lame il reparto avanzato più fertile del nuovo anno solare, quello degli ospiti biancorossi, ed uno dei meno prolifici del girone. I canarini avranno però dalla loro tutto l'entusiasmo e la voglia di proseguire sulla positiva rotta tracciata con la vittoria messa a segno lunedì scorso contro la Samb al Riviera delle Palme
Print Friendly, PDF & Email

Mauro Antonioli

FERMO – Si torna al “Recchioni“, dopo la gioia nel derby, per affrontare uno degli avversari più ostici del girone: il Sudtirol di mister Vecchi che all’andata al “Druso” inflisse un pesante 3-0 ai gialloblù.

A Fermo sono due gli incroci ufficiali per un bilancio che recita un pareggio (0-0 dell’anno scorso) ed una vittoria ospite (1-0 nella C 2017/18). Sull’erba dello stadio civico si affronterano l’attacco più sterile del girone B nel nuovo anno solare (purtroppo sono solo due i gol messi nel sacco dalla Fermana, alla pari di Vis Pesaro ed Arzignano) e quello più fertile, con dodici centri biancorossi.

Non sarà della partita Petrucci, appiedato dal giudice sportivo, in diffida Comotto, Persia ed Urbinati.

Tanta però la voglia di cavalcare l’onda del derby vinto dopo 15 anni al “Riviera delle Palme“, scia positiva ed inerziale in quota a Ginestra e compagni da trasformare in benzina psicologica, e non solo, utile per affrontare al meglio la partita di domani. Ne è convinto il tecnico Mauro Antonioli (foto).

 

Mister, tanto entusiasmo post derby ma era necessario rimettere subito la testa in carreggiata perché il Sudtirol è un avversario molto forte.

“Beh è fondamentale: affrontiamo una tra le squadre più forti del campionato, costruita se non per vincere ma per essere tra le prime tre o quattro del campionato come lo è tuttora. Una squadra costruita e allenata bene con grande qualità nei singoli: hanno tanta gamba e tecnica. Affrontarli non è semplice, serve una prestazione importante ma credo che siamo pronti per questo”.

 

Crede che la squadra altoatesina possa variare qualcosa dal punto di vista tattico come fatto di recente?

“E’ una squadra che ha cambiato diverse volte il modo di giocare, non dà punti di riferimento: può giocare con i tre davanti, con un uomo in supporto dell’unica punta, mentre dietro può schierarsi a tre o quattro. Non ci sono tanti riferimenti in tal senso”.

 

Come è stata la settimana dopo la vittoria in casa della Samb?

“Senza dubbio bella. Abbiamo sentito grande entusiasmo intorno a noi e ne avevamo bisogno per morale e classifica. Dobbiamo avere la consapevolezza che possiamo fare risultato e prestazione se diamo tutti il 100% in ogni momento”.

 

Come arriva la squadra a questa sfida anche dal punto di vista fisico e degli infortunati?

“Purtroppo abbiamo diversi infortunati come anche nelle altre gare. Petrucci squalificato, D’Angelo non ancora recuperato al meglio dall’influenza mentre sono out elementi come Sperotto, De Pascalis e Liguori. Siamo consapevoli che abbiamo a disposizione un gran gruppo e tanti elementi utilissimi alla causa”.

 

I CONVOCATI 

 

PORTIERI

1 Vincenzo Venditti, 22 Luca Gemello e 36 Paolo Ginestra

 

DIFENSORI

2 Andrea Bonetto, 5 Marco Comotto, 6 Marco Manetta,

14 Edoardo Scrosta, 29 Gianluca Clemente, 35 Nicola Lancini

33 Giuseppe Espsito

 

CENTROCAMPISTI

3 Bachir Mane, 4 Gianluca Urbinati, 7 Massimo Bertagnoli,

15 Roberto Grieco, 16 Simone Isacco, 17 Ilario Iotti,

18 Angelo Persia, 25 Luca Ricciardi e 26 Gianluca Esposito

 

ATTACCANTI

9 Samuele Neglia, 19 Hernan Molinari, 23 Luca Cognigni,

24 Antonio Bacio Terracino e 32 Tommy Maistrello


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X