fbpx
Jessica Marcozzi Spazio pubblicitario elettorale
facebook twitter rss

La rissa che ha fatto ‘traboccare il vaso’:
scatta la chiusura di un locale in centro,
Polizia e Carabinieri in piazza

PORTO SANT'ELPIDIO - L’Arma dei Carabinieri ha proposto al Questore l’adozione della ulteriore misura a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, sia per la recente rissa ma anche per altri analoghi episodi avvenuti nel recente passato. Questa mattina l'esecuzione del provvedimento
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF (foto Simone Corazza)

“Dopo il provvedimento di chiusura temporanea adottato dall’Arma dei Carabinieri a seguito della rissa avvenuta in un locale di somministrazione di alimenti e bevande di Porto Sant’Elpidio, e proseguita in piazza, il Questore di Fermo ha stabilito la sospensione della licenza di esercizio per l’attività commerciale in questione”. E’ quanto fanno sapere, a margine dell’esecuzione del provvedimento, le forze dell’ordine.

“Subito dopo l’attuazione delle disposizioni in materia di contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid-19 e per le ulteriori anomalie riscontrate nella gestione del locale, l’Arma dei Carabinieri ha proposto al Questore l’adozione della ulteriore misura a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, sia per la recente rissa ma anche per altri analoghi episodi avvenuti nel recente passato.
Sulla base delle specifiche norme in materia, la Divisione di Polizia Amministrativa della Questura ha raccolto tutti gli elementi necessari e questa mattina ha notificato al gestore dell’attività il provvedimento del Questore previsto dall’art.100 del Tulps.
La ormai comprovata sinergia tra tutte le forze dell’ordine del territorio fermano e l’unità di intenti finalizzata a garantire e tutelare costantemente – aggiungono le forze dell’ordine – non solo in questo periodo di notevole afflusso di turisti nella provincia, la sicurezza dei cittadini residenti e domiciliati, ha consentito di ottenere un ulteriore risultato positivo per l’ordine pubblico e la serenità delle persone”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X